Utente 146XXX
egregi dottori buonasera, sono un ragazzo di 22 anni (vergine). la settimana scors sono andato a visitarmi da un dermatologo per sospetto lichen (machie bianche e secchezza del glande), ma il responso fortunatamente è stato negativo.
il problema è che associato a questa patologia sentivo anche la presenza di un anello duro al di sotto della corona del glande in erezione da circa 3 mesi(pensavo ad una fimosi non serrata visto che riesco a coprire e scoprire il glande sia a riposo che in erezione, anche se con una sensazione di scatto) ma il medico non ha riscontrato nulla di tutto cio.
il problema sta nel fatto che io continuo ad avvertire una senzazione di stringimento al di sotto del glande quando il pene è in erezione ed è coperto, riuscendo anchea vedere questo " anello", le cui dimensioni nei mesi sono un po aumentate, ed a pene scoperto a volte vi è un piccolo rigonfiamento se la pelle si ferma al di sotto del glande, e che scompare se tiro la tiro giu tutta,
sinceramente non so cosa fare, visto che il medico non ha riscontrato nulla , ma questa situazione continua ad esser fastidiosa (se sto in erezione per un po sento stringer sotto al glande a pene coperto) e ho il timore di masturbarmi per paura una parafimosi (anche se riesco ancora a coprire il glande col pene in erezione).

grazie per l'attenzione ed eventuali risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
a naso potrebbe anche essere una fimosi. Senta un collega dal vivo che di qua più che a naso non si può andare.
[#2] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
gentile dottore,
grazie per la tempestiva risposta...il dermatologo lo rivedrò la settimana prossima per un altro motivo e quindi potrei risottoporgli la questione nonostante la prima volta non ha individuato 1 fimosi, ma dei sintomi ci sono e sono un po fastidiosi quindi vorrei un chiarimento a riguardo...l'unica cosa volevo sapere se non corro il rischio di parafimosi, avendo appuntamento fra una settimana e dato che il glande riesco a ricoprirlo, ma il pensiero mi turba alquanto...

grazie per la disponiblità
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Forse sarebbe meglio un andrologo che un dermatologo. Se riesce a ricoprirlo direi che problemi di parafimosi non ce ne sono, abbia cura di farklo ogni volta che scopre il glande.
[#4] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
gentile dottore, ho provveduto a farmi visitare da un medico, che mi ha ribadito di non aver trovato una fimosi, ma solo un prepuzio abbondante, affermando che è un problema di cui non devo preoccuparmi...
il problema sta che comunque sento questo anello al di sotto del glande al di sotto dell'erezione, quindi non so cosa dire sinceramente...
[#5] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
mi scusi ho sbagliato a scrivere....volevo dire che sento una sorta di anello in erezione al di sotto del glande....e a glande scoperto il prepuzio stringe sotto di esso...
[#6] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Stiamo a quello che ha detto ikl collega, che ha visto, di qua non posso qassolutamente dire in contrario.
[#7] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
va bene grazie per la pronta risposta....ma quindi l'anello che sento al di sotto del glande in erezione ( che mi costringe, a glande scoperto, a far scorrer manualmente il prepuzio al di sotto di quella posizione per far uscire la pelle e far scomparire il rigonfiamento) può esser dovuto a quesa condizione di prepuzio abbondante?
[#8] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Esatto
[#9] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
dottor cavallini, la ringrazio ulteriormente per la disponibilità e la gentilezza dimostrata, che mi hanno aiutato a chiarire una condizione che devo dire mi turbava da qualche mese ormai....
mi rimangono solo un paio di domande per chiarire dei dubbi che purtroppo mi sono venuti in seguito alla visita:

- questa condizione puo degenerare in parafimosi (o peggiorare nel tempo)?
- dato il leggero fastidio che a volte mi provoca questa condizione,e non sapendo se puo creare problemi dal punto vista dei rapporti sessuali (sono vergine), vorrei chiederle se questo anello, presente da circa 4 mesi, si puo riassorbire col tempo o se è necessario intervenire in qualche maniera....

la ringrazio in antipico per la risposta...
[#10] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
- questa condizione puo degenerare in parafimosi (o peggiorare nel tempo)? NO

- dato il leggero fastidio che a volte mi provoca questa condizione,e non sapendo se puo creare problemi dal punto vista dei rapporti sessuali (sono vergine), vorrei chiederle se questo anello, presente da circa 4 mesi, si puo riassorbire col tempo o se è necessario intervenire in qualche maniera. La Terapia secondo la scula andrologica francese, maestra insuperata nel campo è il "trombage". Scusi la battuta, ma è l' unica cosa che serve.
[#11] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
si figuri :D
quindi l'attività sessuale porterebbe al riassorbimento dell'edema? scusi se inisto ma questa condizione sta diventando un fastidiosa sia per quanto riguarda l'erezione notturna, che rimandendo coperto il glande sento stringer sotto di esso che per la masturbazione, dato che devo ridurre manualmente questo " anello"
[#12] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
non sforzi la cosa. E appana può... . Poi se ci son probòlemi si vedrà, ma per intanto visto che è stao visitato non si preoccupi.
[#13] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
ho letto su internet che un periodo di riposo (intendo ovviamente di masturbazione, data la mia inattività sessuale) potrebbe favorire il riassorbimento dell'edema....secondo lei potrebbe giovare alla mia situazione o risulterebbe inutile?
[#14] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
apetti qualche giorno dopo la caduta dei punti per ogni attività sessual4e, poi avqanti.
[#15] dopo  
Utente 146XXX

Iscritto dal 2010
gentile dottor cavallini, temo abbia scritto la risposta al consulto sbagliato in quanto io non ho ricevuto alcune tipo di intervento....
ripetendole la questione, in erezione sento un anello al di sotto della corona del glande, e dopo una visita medica (effettuata questo mese) non mi è stata diagnosticata alcuna forma di fimosi, ma semplicemente un prepuzio abbondante....
nei precedenti consulti lei mi ha detto che questa condizione di " anello" al di sotto del glande è dovuta al mio prepuzio e che sarebbe utile alla questione la nota tecnica francese della trombage :D....
il problema è che al momento di attività sessuale neanche l'ombra, quindi le ho chiesto se al fine del riassorbimento dell'anello preuziale (edema o quel che è) sia necessario un riposo dal punto di vista dell'attività sessuale (maturbazione nel mio caso) visto che questa condizione a volte si presenta fastidiosa...
[#16] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
ok scusi. Io sono de3lla mia idea. Sesso. E che si deve riassorbire, si debve allenare semmai.