Utente 151XXX
Gentili dottori, ho 54 anni la mia pressione arteriosa da tempo poteva definirsi normalmente alta (139/89). In questo ultimo anno invece si è attestata su valori medi di 95/145 confermati dall'holter pressostico.
I cardiologi consultati, visto il mio stile di vita: non sono in sovrappeso, non fumo, faccio attività fisica, mi hanno prescritto immediatamente i farmaci.
Ho tentato di evitarli iniziando a bere almeno 2 litri giornalieri di the verde ( visto che precedentemente non assumevo acqua), così sono riuscito a ritornare ai valori precedenti, ma solo fino al tardo pomeriggio, la sera la pressione sale ancora.
Di mia iniziativa ho effettuato l'esame del fondo dell'occhio che ha rilevato: pupilla trofica,congestione venosa, assottigliamento articolare ( 10 anni ha era nella norma).
1° Domanda:( forse retorica): devo piegarmi a l'uso dei farmaci?
2° Domanda: in base a quali parametri scegliere il farmaco più adatto a me? Visto che i vari dottori consultati senza alcun esame clinico mi hanno prescritto
indifferentemente: Triatec, Atenololo, Cardura.
3° Domanda: questi farmaci hanno effetto sull' attività sessuale?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la prassi vuole che lo stato ipertensivo venga dapprima trattato per almeno un mese con misure dietetiche ed attività fisica, per poi, in caso di scarsi risultati, approcciare una terapia farmacologica personalizzata, evitando se possibile i beta-bloccanti, che possono in effetti interferire sulla sua libido.
Saluti