Utente 917XXX
Buonasera, mi scuso innanzitutto per le informazioni non precise ma non ho qui le documentazioni specifiche di mia nonna.

Mia nonna di anni 86 è risultata positiva per ben tre volte al test del sangue occulto nelle feci. Il test è stato effettuato poiché presentava un quadro di anemia nonostante fosse in terapia con ferrograd. Il medico di famiglia ha allora richiesto una colonscopia virtuale dalla quale è risultata una neoplasia con interessamento dei linfonodi di 6 cm circa a livello del cieco ed un polipo a livello del retto. Dopo l'esito del test ci siamo presentati da un gastroenterologo il quale ci ha presentato i possibili rischi nel caso in cui questi non vengano rimossi tempestivamente (occlusione intestinale, emorragia, rottura della neoplasia), inoltre si è raccomandato di non farle assumere alimenti con scorie e ci ha consigliato di fare un consulto chirurgico ed anestesiologico. Ci siamo rivolti ad un chirurgo generale il quale ci ha rassicurato che l'intervento è semplice e non richiede l'applicazione di una stomia, tuttavia rimanda il tutto alla visita anastesiologica e cardiologica.
Il problema è questo: mia nonna presenta una fibrillazione atriale ed è in terapia con coumadin, inoltre soffre di herpes zoster che le dà forti fitte di dolore, inoltre ha un problema valvolare cardiaco e ha i "normali" acciacchi dell'età (risultano calcificazioni a vari organi e ipotrofia renale), inoltre preferirebbe non operarsi. Fermo restando che il giudizio finale se fare o no l'intervento è suo, volevo sapere se lasciando in sede questa neoplasia che a detta del gastroenterologo è vascolarizzata eventuali rischi operatori potrebbero superano i benefici?
Inoltre gradirei sapere se qualche medico è della mia zona (Pistoia) per richiedere un secondo parere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Il quadro prospettato dal gastroenterologo appare corretto e condivisibile, tuttava deve essere anche rispettato il desiderio del paziente, adeguatamente informato, che in questo caso ha 86 anni, è quindi corretto considerare possibili complicanze. Nella mia esperienza, non esistono interenti 'semplici'. Chiede un secondo parere credo sia corretto. Auguri!