Utente 362XXX
Buongiorno.
Pochi giorni or sono mi sono sottoposto a Frenulotomia presso l'ospedale di Niguarda, nel tentativo di risolvere il problema di eiaculazione precoce.
Naturalmente i punti di sutura sono ancora presenti e ora il glande si scopre completamente ma sento delle fitte di dolore nel punto in cui iniziava il frenulo e ancora piu' sotto il glande proprio nel punto in cui vi e' l'attaccatura delle pelle sotto il glande,davvero difficile anche procedere alla pulizia quotidiana.
E' normale ?
Ma la domanda piu' importante che vorrei sottoporvi e' questa, la' dove iniziava il frenuloquindi il prepuzio, ora ho un punto di sutura ma quello che mi lascia perplesso e' che vi e' rimasto un lembo di pelle piuttosto evidente, questo lembo assomiglia ad una piccola bandierina,mi scuso se non riesco forse a rendere bene l'idea, sinceramente penso che il chirurgo non abbia eseguito il taglio del frenulo seguendo correttamente la fisionomia del prepuzio.
Fine giugno mi devo presentare per controllo e esporro' il mio dubbio.
Spero di non dover ricorrere nuovamente a intervento, per quanto puramente estetico, sono certo che questo lembo di pelle non dobrebbe esserci e ritengo assai improbabile che, per qualsiasi motivo possa diminuire di entità.
Gradirei anche un consiglio dove rivolgermi a milano poiche' tutta la prassi, zero cortesia e il problema citato mi invoglia a chiedere eventuale altro consulto,intervento presso altro istituto.
Ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

il suo problema potrebbe essere legato alla persistenza di una piccola banda di tessuto del frenulo in sede "alta". Cosa abbastanza comune.
Comunque è suo diritto di parlare con il medico che la ha operata.
La attività chirurgica non si esaurisce con il semplice "gesto tecnico" ma comprende anche la assistenza postoperatoria e la cura delle possibili complicazioni ed effetti collaterali, sia che si tratti di un frenulo sia che si tratti di un trapianto cardiaco.
Perchè aspettare un mese ?
Vada "gentilmente" a parlarci
cari saluti
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
pur riconoscendo il Suo encomiabile sforzo nel descrivere l'esito della frenulotomia, non riesco a focalizzare il problema. Difficile la manutenzione della ferita? Davvero strano...non nella norma direi. E' bene, e mi associo completamente a quanto sostenuto, nella Sua risposta correttissima, dal Collega POZZA.
Ci faccia sapere come evolve la faccenda.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#3] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Probabilmente nell'applicazione del punto a livello dei vasi del frenulo è stata lasciata una porzione di tessuto in esubero. Nessun problema perchè non le darà fastidio quando tutta la ferita si sarà adeguatamente rimarginata. Se ha dubbi cmq consulti il collega urologo che l'ha operata.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#4] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
se debbo dirLe il mio spassinato parere, lasciare reliquati del frenulo...dopo fenulotomia...a parte che è un controsenso in termini...può comportare fastidiosi disturbi, sia in senso dolorifico che di iper-parstesie, di certo talvolta non agevoli da sopportare.
Davvero poi assurdo che questo si verifichi se l'intervento viene programmato anche per la presenza di eiaculazione precoce. Spesso, proprio il residuo del frenulo diviene ancora più ipersensibile del frenulo nella sua completa interezza.
In parole povere: la frenulotomia è un intervento delicato...
Senta al più presto il Suo Chirurgo di fiducia.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
come già detto dai colleghi che mi hanno preceduto , prima cosa è ricontattare il chirurgo che l'ha operata . Se non vede disponibilità o comprensione o le spiegazioni le sembrano poco "convincenti" allora penso lei sia libero di sentire il parere di un altro andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
[#6] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
e mi sento di aggiungere una postilla alla mia ultima risposta.
Non si dispone un controllo chirurgico di una frenulectomia a quasi un mese dall'intervento: troppo lungo questo lasso di tempo.
Mi faccia sapere l'esito della visita.
Auguri e saluti affettuosi.
Prof. Giovanni MARTINO
[#7] dopo  
Dr. Sergio Longhi
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Gentile utente, se lei intende una piccola esuberanza di tessuto all'inizio e/o alla fine della cicatrice chirurgica, abitualmente è causata dal fatto che una incisione verticale con bisturi di un frenulo non eccesivamente breve, lascia due tratti di pochi mm di mucosa intatta alle estremità dell'incisione, che risultano maggiormente evidenti, come una o due piccole creste, dopo la ricostruzione e la completa cicatrizzazione. Possono essere un problema estetico. Dal punto di vista funzionale non posso che essere d'accordo con il collega Martino sulle sue valutazioni e sulla necessità di controllo in tempi brevi dopo plastica del frenulo. Cordiali saluti.
[#8] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
certo condivisibili i punti sottolineati dal Collega LONGHI. Ma Le ribadisco il concetto: lasciare reliquati del frenulo...dopo fenulotomia...può comportare fastidiosi disturbi.
Ho visto pazienti con esiti di frenulotomia ...simili a vere e proprie "bandiere" al vento!!!
Ancora cari ed affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#9] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2007
Buongiorno e grazie tante a tutti i medici che mi hanno risposto cosi' cordialmente e prontamente..

Ho contattato telefonicamente il reparto dove ho eseguito la frenulotomia e dopo vari tentativi mi ha risposto un'infermiere il quale non ha assolutamente creduto che abbia eseguito tale operazione poiche' tale operazione non comporta punti di sutura ! Ho cercato di convincerlo ma si stava spazientendo e mi ha chiesto di non insistere su tali affermazioni e mi ha consigliato se stavo male di rivolgermi al pronto soccorso.
Lasci a voi ogni considerazione in merito .. io da parte mia ritengo che non sia il caso di andare al pronto soccorso.. visto i precedenti, se posso evito.
Stamani mi sono personalmente recato di buon'ora presso il reparto e dopo qualche minuto di attesa ho potuto parlare con una delle infermiere che ha assistito il medico ( che fortuna !), l'infermiera mi ha fatto capire che non c'e' modo di parlare con il medico per i piu' svariati motivi, stesso consiglio rivolgersi al pronto soccorso.
A questo punto attendo qualche giorno per vedere se il dolore dei punti diminuisce, ipotizzando sia solo questione di tempo affinche' il tutto si sistemi. Per quanto riguarda il lembo di pelle che a mio parere e' in eccesso, ne parlero' a fine mese con l'andrologo dell'ospedale (non si e' potuto assolutamente anticiparlo e il successivo libero a fine agosto !), se i punti si saranno assorbiti prima, mi rivolgero' presso struttura privata.
Credevo che la cosa si potesse risolvere invece ..
Grazie ancora, vi terro' informati.
saluti
[#10] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
sono allibito che Lei ...per "svariati motivi"...ma non riesco ad immaginare quali sinceramente...non possa non dico farsi controllare dal Collega che L'ha operata...ma nemmeno parlarci!!!!
Non si va al Pronto SDoccorso per problemi coem i Suoi.
Il consiglio che Le posso dare è quello di tentare di contattare ancora una volta, con educazione ma allo stesso tempo, con etrema fermezza il Chirurgo che L'ha operata. Se il rifiuto a vederLa fosse categorico...si rivolga in Direzione Sanitaria e chieda di parlare con il Direttore Sanitario della Struttura oppure, come ultima possibilità, gli faccia scrivere da un Legale.
E' davvero ora di smetterLa con questo tipo di comportamento che getta discredito purtroppo su tutta la categoria Medica e Chirurgica.
Mi faccia sapere l'evoluzione della faccenda
Affettuosi saluti
Prof. Giovanni MARTINO
[#11] dopo  
Dr. Sergio Longhi
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
Non vedo quali svariati motivi possano impediere di tranquillizare un paziente. Il percorso consigliato dal collega Martino è assolutamente corretto. Auguri
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,
anch'io concordo con il parere dei medici che mi hanno preceduto. Mi sembra incredibile che lei non riesca a mettersi in contatto con lo stesso medico che l'ha operata o almeno con un medico del reparto . Interpellare la direzione sanitaria della struttura a questo punto è il primo passo da fare.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#13] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
non posso che essere assolutamente daccordo con i colleghi
[#14] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2007
Gentili Dottori ..

Ringrazio per l'aiuto e i consigli che mi avete indicato, ora con il passare dei giorni i punti di sutura stanno lentamente sparendo e con essi quasi tutti gli ovvi fastidi legati ad una ferita in via di guarigione.

A parte i problemi gia' citati e che potro' esporre solo tra qualche settimana all'andrologo, sono perplesso in merito all'intervento, infatti ho l'impressione che il frenulo sia stato si' tagliato ma non asportato, di conseguenza sull'asta la' dove correva il frenulo la pelle assume un discreto spessore,come se il frenulo una volta tagliato sia stato semplicemente suturato, esteticamente parlando piuttosto antipatico.
Mi chiedevo se queste mie impressioni siano fondate oppure pensare che lungo l'asta non debba rimanere un cosi' evidente segno di cicatrizzazione.

Vi ringrazio nuovamente per l'attenzione dimostrata.




[#15] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
personalmente non aggiungo altri commenti alla situazione clinica post-operatoria. Impossibile esprimerli senza poterLa, a questo punto, visitare. Attendo invece, se Le farà piacere comunicarlo, il parere del Suo Andrologo.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#16] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ci tenga informati.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.
[#17] dopo  
Utente 362XXX

Iscritto dal 2007
Buongiorno..
ormai trascorso un certo tempo dall'intervento purtroppo posso confermare che nel mio caso non ho avuto nessun beneficio dallo stesso inteso com eeiaculazione precoce.

La sensibilita' e' rimasta pressoche' identica e di conseguenza i risultati sono gli stessi..

Dovro' cercare altre soluzioni che presumo possano essere solo farmacologiche, il mio andrologo me lo ha sconsigliato, oppure psicologiche.

Ringrazio ancora per la vostra attenzione e cortesia.
[#18] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
noi da questa posizione , senza aver valutato in modo diretto la sua situazione clinica , non possiamo che confermare quanto indicato dal nostro collega andrologo.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#19] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
non credo sia davvero possibile che il Suo Andrologo abbia rinunciato alla terapia della Sua eiaculazione precoce. Riparli con lui in maniera serena ma ferma del problema.
Mi faccia sapere l'evoluzione della storia clinica.
Auguri affettuosi ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#20] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
se non ho capito male il suo andrologo propende per un discorso più di tipo funzionale , psicologico.
Comunque ci faccia sapere.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica,com
[#21] dopo  
Dr. Sergio Longhi
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2005
La terapia farmacologica dell'eiaculazione precoce è indubbiamente efficace, anche se spesso i risultati sono transitori e possono essere presenti effetti collaterali. Ma come sottolinea il collega Martino, a 42 anni non può rinunciare a tenatare di risolvere il problema.Cordiali saluti.
[#22] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
sono del tutto d'accordo con quanto sostenuto nella sua risposta dal
collega LONGHI.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#23] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
spesso , in situazioni cliniche come la sua, si imposta il problema terapeutico a diversi livelli. Ridiscuta tutta la questione con il suo andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org