Utente 276XXX
Salve a tutti dottori. Sono un ragazzo di 24 anni e vi scrivo non direttamente per un consulto medico,ma bensì per farmi indicare una strada,una luce. Scrivo per conto di mio padre, 53 anni, che dal 2008 sta combattendo contro il cancro. Due anni fa infatti gli venne diagnosticato un carcinoma al rene sx, immediatamente fu portato sotto i ferri e gli venne rimosso completamente il rene malato. Nell'Aprile dello stesso anno,a seguito di un controllo gli venne trovata un'infiltrazione neoplastica nella vena cava superiore di 11cm. Venne di nuovo operato in condizioni molto gravi,ma riusci a salvarsi. Nel Gennaio del 2009 inizio la chemioterapia dopo che vennero trovate presunte metastasi al fegato e alle ossa. Dopo 6 mesi queste presunte metastasi non c'erano più. Purtroppo,nel Febbraio di quest'anno a fronte di una nuova TAC,è stata diagnosticata una nuova infiltrazione neoplastica nella vena cava inferiore di 3 cm. I medici che lo hanno operato 2 anni fa si sono rassegnati giudicandolo inoperabile. Questo è un po il riassunto della sua storia,ora,di fronte ad un nuovo problema, io non ho intezione di gettare la spugna,e vi chiedo un'indicazione su dove poter portare mio padre, se esistono centri in Italia e nel mondo dove poter richiedere un consulto medico diretto. Non ho limiti e non bado a spese. Vi ringrazio di cuore per la vostra attenzione e disponibilità.

Aspetto vostre risposte

[#1] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Gentile utente, è certamente encomiabile per l'impegno e l'affetto che profonde per aiutare suo padre,ma credo da quanto descrive che i colleghi che lo tengono in cura,hanno gestito la situazione con perizia ed alta professionalità.La decisione attuale di non reintervenire,sarà scaturita da valutazioni cliniche certamente valide.Se per la sua coscienza,prima di arrendersi,desidera un altro parere(prima di spostamenti all'estero),potrebbe contattare la scuola del Prof.Davide D'amico di Padova.
Saluti e auguri
[#2] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2007
Dottore la ringrazio infinitamente per la sua delucidazione. Il professore che lo ha operato 2 anni fa a Roma ci ha detto che non è in grado di ricomporre lo staff di 2 anni fa visto che alcuni suoi collaboratori sono all'estero e lui non è un chirurgo vascolare. Le nostre ricerche ci hanno indirizzato già verso Padova e la sua risposta ci ha dato conferma. Precisamente siamo in contatto con il Prof.Grego,ora mi metterò alla ricerca anche del Prof. D'amico.
La ringrazio ancora dottore.

Cordiali saluti