Utente 157XXX
39 anni, 172cm per 75Kg. Vivo all'estero e vorrei capire se il percorso diagnostico che il mio medico mi sta facendo seguire sia accurato o meno.
Sono un soggetto ansioso, (mio padre ebbe un leggero infarto miocardico a 50 anni ed era affetto da ipercolesterolemia), e ad agosto dell'anno scorso, dopo un periodoo di forte stress sia sul lavoro che in famiglia, ho avvertito un forte dolore al centro del torace con fitte al braccio sx. Al pronto soccorso effettuati esami del sangue ed ECG, negativi. Colesterolo alto ( >220), mi prescrivono Lipitor 10mg per tre mesi. I dolori al torace persistono, come le fitte al braccio: due mesi fa il mio medico mi prescrive visita cardiologica con ECG da sforzo ed Ecocardio, il cardiologo nonostante la negativita' mi prescrive una scintigrafia miocardica da sforzo per, a suo dire, fugare tutti i dubbi, negativa pure quella cosi' come e' negativa Rx toracica. Nel frattempo mi prescrivono Alprazolam 25 mg per 30 giorni. La frequenza dei dolori al torace e le fitte al braccio diminuiscono, ma permangono, insieme a bruciori di stomaco. Il mio medico mi ha quindi consigliato gastroscopia, che non ho ancora effettuato.
Non pretendo una diagnosi, ma volevo solo capire se fin'ora il percorso diagnostico e' quello corretto, anche perche' comincio ad essere preoccupato sia dal punto di vista della salute che anche da quello economico, visto il costo di tutti questi esami.
Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Il percorso diagnostico è in linea di massima corretto, anche se probabilmente il sospetto di una patologia gastroesofagea, possibile causa dei Suoi sintomi, avrebbe consigliato l'esecuzione più precoce della gastroscopia vista la negatività degli esami cardiologici eseguiti.
In altre parole, io avrei prescritto prima la gastroscopia ed in seguito, se necessaria, la scintigrafia miocardica.
Cordiali saluti