Utente 135XXX
Buongiorno,

a nov 2009 al mio compagno è stato riscontrato un varicocele bilaterale di cui il sinistro recidivo (1^ operazione nel 2003). In attesa dell'operazione, a cui si è sottoposto a fine marzo 2010 (legatura vene spermiche via inguinale), ha fatto un ciclo di 4 mesi di due integratori consigliati dal suo andrologo (spergin e q10) che hanno dato a mio parere qualche miglioramento (gli spermatozoi sono passati da 2 a 20 milioni e anche la motilità/morfologia è un pochino migliorata, tenendo conto che la situazione di partenza era veramente pessima). La domanda è: poichè questi integratori hanno dato miglioramento e l'operazione al varicocele è stata fatta non sarebbe utile proseguire con la cura? L'andrologo alla visita di controllo dopo l'operazione ha detto di sospendere l'assunzione. Per quale motivo? Forse per vedere l'effettivo miglioramento della sola operazione al prox spermiogramma?

Grazie e cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Se ho ben capito prima ancora di correggere il varicocele recidivo con i soli integratori lo spermiogramma è passato da 2 milioni/ml a 20 milioni/ml.

In base alla mia esperienza gli integratori pur efficaci in taluni casi non sono in grado di migliorare lo sperma in modo così significativo.

Probabilmente i 2 milioni sottostimavano il vero potenziale e i 20 milioni costituivano la vera situazione. Per cui può essere corretto valutare cosa succede dopo la correzione del varicocele.

Cordialità