Utente 118XXX
Ill. Prof.

Mi scusi se la dirsturbo, sono un ragazzo di 29 anni e 6 mesi. All'età di 16 anni mi era stata riscontrata nell'urina della mattina presenza di proteine (30mg/dl) successivamente ho provveduto ad eseguire esami ematochimici come azotemia, creatinina, clearane creatinina che risultavano tutte nei parametri. La proteinuria delle 24 H faceva riscontrare valori intorno a 300 mg/24h. Le ecografie erano tutte regolari.Il nefrologo che mi seguiva mi ha diagnosticato una forma di proteinuria ortostatica. Dall'età di 20 anni la proteinuria delle 24h segnava come risultato (inf. al minimo dosabile - tenga conto che bevo moltissima acqua circa 5 litri al giorno). Gli esami come azotemia, creatinina ed clearence nella norma. Nell'ultimo anno la proteinuria è stata di 400 mg/dl, ecografia normale e esami come azotemia e creatinina normali. A casa utilizzo strisce reattive Albustix per verificare la presenza delle proteine nelle urine ed ho notato che quando esse sono concentrate (magari 5 dl di urina in 5 h) sono presenti tracce oppure 30 mg/dl. Per contro, se mi sdraio a letto, noto che dopo anche solo 15 - 20 minuti le strisce reattive indicano l'assenza di proteine. Mi è capitato di sdraiarmi ed effettuare pochissima urina (non bevevo per verificare se da sdraiato la proteinuria persisteva) 0,2 dl in 1 ora e le strisce indicano assenza di proteine. Lei cosa ne pensa della ia situazione? Crede he si tratti di proteinuria ortostatica oppure di qualcosa di più serio? Quali sono i Suoi consigli in merito?
In attesa di una Sua risposta Le porgo distinti saluti e La ringrazio sentitamente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
0% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Caro Signore,
mi auguro che il dato che lei riporta di proteinuria attuale, cioè 400 mg/dl, sia un refuso e stia ad indicare piuttosto 400 mg/24 ore.

E' una proteinuria "border-line" che potrebbe essere di natura benigna (anche definita "proteinuria ortostatica" o "da sforzo").

E' comunque una situazione che richiede un controllo nel tempo.

Può essere utile una raccolta temporizzata non sulle 24 ore ma sulle 12 ore notturne; analogamente può essere utile anche controllare l'albuminuria.

Non si faccia prendere però dall'ansia di controllare la proteinuria ogni giorno!

Quanto alla concentrazione o diluizione delle urine, questo certo cambia i valori determinati dalla striscia reattiva! E' infatti vero che oggi esistono strisce che "misurano" sia la proteinuria (o l'albuminuria) sia la creatininuria, consentendo quindi di normalizzare l'escrezione urinaria di proteine per lo stato di concentrazione urinaria.

Cordialità
[#2] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2009
Ill. Prof.

La ringrazio per la sua rapida risposta al mio quesito.

In effetti intendevo un valore di proteinuria pari a 400 mg/24H. Mi sono dimenticato di aggiungere che la mia pressione è bassa: 60/100 e 70/110, il mio colesterolo oscilla tra i 230 e i 245 mentre quello buono tra i 52 e i 55. I trigliceridi sono nella norma.
La proteinuria ortostatica può danneggiare il rene?
Grazie per la Sua gentilezza e disponibilità.
Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
0% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
La cosiddetta "proteinuria ortostatica" è per definizione benigna e non rovina il rene.

E' bene però che sappia che è un rilievo che deve essere seguito nel tempo. Rimangono utili le indicazioni che le ho dato in precedenza.

Un saluto