Utente 161XXX
Quanto tempo ci vuole per rimarginare una costola fratturata?
Il tempo è uguale per un afrattura composta e senza deformazioni ?
Mi pare che nella parte terminale anteriore della cassa toracica vi sia una parte cartilaginea che fa da giuntura, se la lesione si verificasse li' i tempi di guarigione sono gli stessi ?
E su una incrinatura recidiva c'e' il rischio che la rimarginatura non si verifichi ?
[#1] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

proverò a rispondere punto per punto alle sue domande.

- Quanto tempo ci vuole per rimarginare una costola fratturata?

30-40 giorni

- Il tempo è uguale per una frattura composta e senza deformazioni ?

il tempo è quello fisiologico della formazione del callo osseo

- Mi pare che nella parte terminale anteriore della cassa toracica vi sia una parte cartilaginea che fa da giuntura, se la lesione si verificasse li' i tempi di guarigione sono gli stessi ?

Possono essere più lunghi, le cartilagini infatti, a causa della peculiare carenza di vasi, si riparano più lentamente (quando si riparano - pensi per esempio cosa succede ai menischi). Attenzione però che le cartilagini non si vedono con una radiografia del torace ma solo con esami di secondo livello (come per esempio la risonanza magnetica).

- E su una incrinatura recidiva c'e' il rischio che la rimarginatura non si verifichi ?

A livello osseo il sito dove c'è stata una frattura rimane un luogo di minor resistenza, ma in genere vi è la riparazione; solo in caso di fratture scomposte in presenza di diastasi dei tramiti può far sì che si formi una "pseudo-articolazione".

Rimanendo a sua disposizione per ogni necessità o chiarimento porgo i miei più cordiali saluti.

[#2] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille della risposta, riguardo all'ultima risposta vorrei una ulteriore delucidazione.
La pseudo articolazione immagino nasca dal fatto che il callo osseo non porta all'unione dei due elementi ma si forma sull'estremita' di entrambi. Questa situazione permane dolorosa nel tempo ?

E per finire la domanda più importante: in seguito a frattura delle costole è possibile effettuare attività sportiva di impatto, come la lotta libera o lo judo, o è preferibile rinunciare dato che quel punto è di minor resistenza agli impatti?

Cordiali saluti.

Daniele Tomasi
[#3] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
...Questa situazione permane dolorosa nel tempo ?

- In alcuni casi può instaurarsi una nevrite cronica a carico del nervo intercostale interessato

in seguito a frattura delle costole è possibile effettuare attività sportiva di impatto, come la lotta libera o lo judo, o è preferibile rinunciare dato che quel punto è di minor resistenza agli impatti?

- è una scelta personale. Se io mi trovassi in questa condizione e fossi veramente appassionato, probabilmente riprenderei l'attività sportiva; qualora non lo fossi fino in fondo cambierei sport.

Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 161XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio molto delle risposte.

Daniele Tomasi