Utente 160XXX
Salve,
sono un ragazzo di 27 anni. in gennaio ho intrapreso lo studio della tromba e dopo un paio di lezioni sulla respirazione ho cominciato ad avvertire dei dolori sulla parete addominale destra, che a volte si propagano anche al testicolo o alla radice del pene. ho sospeso lo studio dello strumento che aumenta la pressione endoaddominale e mi sono rivolto al medico di famiglia. Secondo lui c'è l'anello inguinale destro dilatato, ma nulla di più. Comunque mi ha consigliato di rivolgermi al reparto di chirurgia delle ernie dell'ospedale della mia città. Qui mi diagnosticano ernia inguinale bilaterale, e mi consigliano l'intervento. In marzo mi ha visitato anche un urologo che conferma "anelli inguinali pelvi al dito e dolenti". Da lì ho sentito altri due chirurghi che invece escludono la presenza di un ernia inguinale.
Al momento,a fronte anche di un dolore costante, sia in attività che a riposo, ho solo capito di avere le pareti addominali fragili, ma come è possibile che un chirurgo è pronto ad operarmi ed un altro esclude categoricamente la presenza di un'ernia? c'è un esame che obietivamente può evincere la presenza di ernia inguinale, oltre alla visita chirurgica?
ringrazio anticipatamente
cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Si potrebbe fare un'ecografia: a volte aiuta, a volte non e' per niente dirimente: cio' che realmente conta e' proprio la Visita Specialistica Chirurgica. Capisco le sue perplessita', ma purtroppo non avendola visitata personalmente non so dirle di piu'.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 160XXX

Iscritto dal 2010
gentilmente
potrebbe indicarmi che tipo di ecografia?
grazie
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Una normale ecografia della regione inguinale. Ma, ripeto, non e' detto che questo esame possa fugare i dubbi: e' in base alla Visita Chirurgica che si deve fare diagnosi con certezza.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 160XXX

Iscritto dal 2010
grazie per la celerità,
ma a questo punto mi vine e da chiederLe,
come mai un medico trova l'ernia e un altro no?
cosa consiglia di fare?
ancora grazie
[#5] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
E' possibile che l'ernia in certi momenti fuoriesca (e quindi si puo' apprezzare con il ponzamento nel corso della Visita) e in altri momenti invece no. Pero', se c'e' un Chirurgo che ha avuto la possibilita' di verificare con certezza che effettivamente l'ernia c'e', penso che l'indicazione all'intervento possa essere data. Prenda comunque queste mie parole ovviamente come un discorso generico, perche' e' chiaro che non conoscendola non potranno mai essere concetti riferibili al suo caso specifico.
Cordiali saluti