Utente 163XXX
buonasera gentile Dottore,
sono un ragazzo di 31 anni, da parecchi soffro di ansia e attacchi di panico.
da circa 40 giorni sono in cura con efexor 75mg r.p., dopo aver lasciato seroxat che assumevo da 5/6 anni. Sono ovviamente seguito da uno specialista, ma un consulto in più non guasta. Ho sempre avuto una frequenza cardiaca alta, a riposo anche 80 battiti e più, in questo periodo sono cmq. molto teso. Ho sempre paura che quando il cuore batte molto forte non sia semplicemente ansia.
ho fatto visita cardiologica, dove mi è stato fatto ecg a riposo, auscultazione e prova della pressione. Il cardiologo ha detto che tutto era perfetto e sconsigliava qualsiasi altro esame. cmq in un ricovero al pronto soccorso poco tempo fa mi è di nuovo stato fatto un ecg e tutti gli esami del caso: emocromo e altri legati alla funzionalità cardiaca. Tutto nella norma. Alla fine alla mia domanda se fosse il caso di fare altri accertementi come holter ecocardiogramma e così via, mi è sempre stato risposto che non era necessario. quando è arrivata l'ambulanza cmq avevo 140 battiti e sono rimasti intorno ai 130 per un pò di minuti e la pressione era 100/160 (non ho mai avuto problemi di pressione, ad ogni controllo è sempre risultata ottima, 70/120 65/115 ecc.) all'arrivo in ospedale pian piano tutto è rientrato nella norma. Ovviamente riconosco di essere molto ansioso, ma chiedo anche a Lei se secondo il suo parere fosse necessario fare altri controlli.
La ringrazio fin d'ora e Le porgo i miei più cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
in base al suo scritto, sembrerebbe evidente che la sua componente ansiosa sia la causa della sua tachicardia. Opterei per l'esclusione di ulteriori indagini cardiache, e solo per un eccessivo scrupolo, le consiglierei invece di effettuare controlli della funzionalità tiroidea. Ne parli al curante. Saluti
[#2] dopo  
Utente 163XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio molto per i suoi consigli che seguirò sicuramente.
Un grazie particolare anche per il servizio che svolgete.

cordiali saluti