Utente 819XXX
Salve dottori, sono un ragazzo di 30 anni molto ansioso.

Premesso che nella mia famiglia mia mamma soffre di pressione alta, suo padre (mio nonno) è morto a 76 anni di infarto, suo fratello (mio zio) a 57 anni; ella famiglia di mio padre invece nessun problema cardiovascolare e neanche nella famiglia della mia nonna materna... quindi l'unico problema deriva da mio nonno materno.

Volevo chiedere:
1) Qual'è in generale l'importanza dell'ereditarietà in questo tipo di patologie?

2) In particolare nel mio caso ho una familiarità così sfavorevole? Che probabilità ho io di avere tali problemi?

Questo cruccio mi assilla da molto tempo. Vi prego di darmi delle risposte più dettagliate possibili.

Grazie per quello che fate!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
presentare una spiccata familiarità per cardiopatia ischemica, implica l'assunzione di almeno uno stile di vita adeguato al rischio possibile, ma non quantificabile statisticamente, di eventi clinici avversi in un lontano futuro. E' quindi consigliabile, l'astenersi dal fumo, praticare una vita, se possibile sportiva, cercando di mantenere sotto controllo peso e colesterolo.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 819XXX

Iscritto dal 2008
Grazie dott. Martino per la sua veloce risposta...

so che mantenere uno stile di vita corretto è utile per tutti e a maggior ragione per chi ha una familiarità...

tuttavia la mia domanda era diversa... cioè la mia familiarità quanto è negativa, visto che dal lato paterno non ci sono mai stati problemi, mentre dal lato materno ci sono stati i problemi descritti sopra? cioè è molto negativa, abbastanza negativa...?

Io sono preoccupato dal fatto che se eredito la predisposizione alla malattia della famiglia materna, avrei una aspettativa di vita abbastanza bassa!!

[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
come le ho già detto, non esiste un valore statistico per stabilire quanto la familiarità monoparentale possa incidere sulla sua vita in terminim di anni, certamente la presenza di una tale familiarità la induce ad effettuare dei periodici screening medici e mantenere uno stile di vita adeguato.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 819XXX

Iscritto dal 2008


In particolare quali esami occorre eseguire, a quale età e con che periodicità?

Grazie