Utente 165XXX
Salve
Faccio da qualche mese uso di Levitra, che mi era stato prescritto per risolvere una circolo vizioso che era entrato in essere da un po di tempo riguardante l'ansia da prestazione. Fin'ora ho sempre usato pastiglie da 10mg (ne ho usate 4) e successivamente, negli ultimi 3 rapporti ho usato 5mg (mezza pastiglia).
Ieri sono svenuto durante il rapporto, probabilmente perchè 1 ora e mezza prima ho bevuto mezzo litro di birra....
Cmq a parte questo spiacevole inconveniente (io sono sanissimo e molto sportivo)la mia domanda era la seguente: normalmente dopo quanto tempo/quante assunzioni si riesce a fare a meno del levitra? io non l'ho usato tantissime volte, e in questi 8 rapporti è sempre andata alla grande, assolutamente nessun flop, anzi...
Normalmente chi fa questo tipo di cura come prosegue? riesce a sospendere?
Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
non ne avrà più bisogno nel momento in cui risolve il problema, presumibilemte di ansia, che sta o stava alla base del problema. chieda al collega che la ha in cura.
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 165XXX

Iscritto dal 2010
Bene grazie..
Ma a volte ho quasi paura ad usarlo perchè temo di entrare in un altro circolo vizioso del tipo "senza non si riesce"..
dall'altra parte però ho abituato la mia partner a delle performance di un certo livello e mi dispiace scendere di livello :D
Mah... speriamo bene
[#3] dopo  
Utente 165XXX

Iscritto dal 2010
anche perchè a volte si sente gente a dire "è due anni che lo uso" .... in questi casi mi pare di capire che difficilmente riusciranno a fare qualcosa senza...
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
La terapia orale per il d.e., interrompe quel disfunzionale circolo vizioso tra ansia da prestazione, deficit erettivo, deflessione del tono dell’umore , conseguenze devastanti per la vita di coppia e soprattutto per la personalità.
Ottimale sarebbe un “approccio combinato”al d.e, , effettuato a quattro mani:
quelle dell’andrologo e quelle del sessuologo clinico. In associazione temporale alla diagnosi ed alla terapia per la disfunzione sessuale, il sessuologo, effettua la sua anamnesi psico-sessuologica, che diviene un momento di fondamentale importanza, sia per il clinico che per il paziente, diviene un contenitore di ansie, emozioni, paure, difficoltà sessuali e non, rappresenta la “ storia sessuale” del paziente, dall’inizio a quel momento.
A seconda della diagnosi di d.e( primario, secondario, situazionale, assoluto) e della data e cause relative alla disfunzione, si stabilisce unitamente all’andrologo, se effettuare una terapia sessuologica o qualche colloquio di counseling psico-sessuologico, da effettuare all’inizio della terapia orale, a metà del percorso ed a ridosso della sospensione, per evitare ricadute ed ansie anticipatorie di ricadute.
Auguri.



www.valeriarandone.it