Utente 164XXX
salve volevo prima di tutto ringraziare tutti coloro che risponderanno alla seguente domanda.
mio padre è stato da pochi giorni operato per sostituzione della valvola aortica danneggiata da una endocardite batterica , ed ora volevo sapere se lo posso portare a mare (visto che abbiamo una casa ) o era meglio lasciarlo in città? se si dopo quanti giorni dall'intervento?.
inoltre volevo sapere come posso ridurre il rischio di una reinfezione della stessa malattia, faccio presente che mio padre non ha mai sofferto di niente , però ora la paura di una ricaduta mi ppreoccupa molto.
sicuri di una vostra sicura risposta porgo cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'eventuale modifica delle condizioni ambientali in cui soggiorna attualmente suo padre, dipendono fondamentalmente dalle sue condizioni cliniche, che on line sono difficilmente immaginabili. Si rivolga pertanto al curante o al collega che ha in cura suo padre, per le opportune direttive. Per quanto riguarda la profilassa endocarditica, rimane fondamentale l'indicazione alla profilassi antibiotica in ogni caso di manovre chirurgiche invasive.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
prima di tutto volevo ringraziarla per la celere risposta,
mio padre ora si trova ancora in reparto e tra qualche giorno verrà dimesso. vorrei avere qualche consiglio su come comportarmi e su come prevenire eventuali infezioni post operatorie, non vorrei essere logorroico , ma chiedere qualche consiglio, non fa altro che bene.
p.s. ma secondo lei , una volta a casa è bene ridurre al minimo le visite dei parenti ed amici? grazie di nuovo ed alla prossima
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Non vi sono in linea generale particolari restrizioni, tranne, ovviamente, per quei soggetti febbrili o in stato simil influenzale, cosa rara dato il tempo attuale.