Utente 999XXX
Buongiorno!

Vorrei avere qualche informazione sull'anisakis.
Prima di questa estate ne avevo sentito un pò parlare ma erroneamente ritenevo infestasse solamente pesci della zona asiatica.
Questa estate invece abbiamo acquistato in Puglia delle alici che molto probabilmente ne erano infestate: avevano l'intestino pieno di vermetti transparenti, lunghi qualche centrimetro. La prima volta abbiamo buttato tutto il pesce ma dal momento che li abbiamo ritrovati anche la seconda e tutte le volte successive abbiamo ritenuto si trattasse di una cosa "normale" per i pesci del luogo e li abbiamo consumati.
Il pesce è stato cotto su una piastra, quindi non credo ci siano problemi, ma vorrei sapere che succede se ci si mette le mani in bocca mentre lo si pulisce o lava (i bambini mi aiutavano...).
Ho cercato qualche informazione in più su vari siti ma sinceramente sono più confusa di prima. Ad esempio: perchè si parla di "infestazione" da anisakis e di "allergia all'anisakis"? che differenza c'è?
E poi, esiste qualche farmaco che permetta eventualmente di liberarsene?

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
L’infestazione umana si verifica per lo più per ingestione di pesci o molluschi crudi o poco cotti, ma anche marinati, affumicati o salati.
Le larve sono anche piuttosto resistenti ai vari trattamenti, anche il congelamento consigliato dalle norme CEE e sia efficace in molti casi, non sempre riesce ad uccidere tutte le larve presenti. Anche con l’uccisione delle larve, gli antigeni di Anisakis Simplex sono straordinariamente resistenti al congelamento e alla cottura, e l’esposizione ad essi è in grado di condurre a reazioni di ipersensibilità che vanno dall’orticaria allo shock anafilattico(raro).
I parassiti, comunque introdotti nell’organismo, inducono un aumento delle IgE, con reazioni IgE mediate come molto frequente orticaria, più rari angioedema, anafilassi, asma. Nel paziente è rilevabile sia un aumento delle IgE totali che un aumento delle IgE specifiche verso l’Anisakis, con prick test e RAST positivi.
Evitare i pesci con le larve visibili e congelare il pesce da marinare.
Personalmente eseguo nel mio studio il prick test per anisakis a tutti e nell'ultimo anno ci sono stati almeno 4 pazienti orticaria causata da anisakis.


[#2] dopo  
Utente 999XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la risposta.

Mi permetta un'ultima domanda: preparazioni industriali che si acquistano al supermercato, come ad esempio il salmone affumicato confezionato o le alici sott'olio in vasetto, possono essere considerate sicure?

grazie