Utente 162XXX
Buonasera, sono una ragazza di 28 anni, domenica scorsa dopo essere tornata da una giornata al mare ho iniziato ad avere la sensazione di fame d'aria. Non riuscivo a respirare bene e questo sintomo permane tutt'ora. Per respirare devo o fare grossi sbadigli oppure concentrarmi a respirare facendo entrare aria nei polmoni. Mercoledì notte mi sono svegliata nel sonno e spaventata sono andata al pronto soccorso, il medico dopo avermi visitato, misurato l'ossigeno che era al 98% avermi fatto ecg, prelievi del sangue completo più gli enzimi per il cuore, ha rilevato solo una carenza di potassio e mi ha prescrittto una cura di polase. Ora avverto oltre alla mancanza di respiro oppressione all'addome e dolore al braccio destro. Io soffro di una piccola insuffienza mitralica congenita ma dopo visite e eciocardio mi hanno sempre detto essere tutto nella norma. Adesso ho paura che mi colga un infarto fulminio è possibile? che altri esami devo fare ?grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Con molta probabilità lei ha un piccolo prolasso della mitrale come verosimilmente è stati diagnosticato all ecografia cardiaca, dal momento Che lei e molto magra. La sindrome da prolasso mitralico è tipico delle donne giovani e magre ed è caratterizzato tipicamente da crisi di affanno, palpitazioni, senso di mancamento etc. Se dovessero continuare, come attacchi di panico, eè meglio che lei consulti un colleg psichiatra. Il polase non le serve assolutamente. Nientebse lei mngi normalmente. Cordialità
[#2] dopo  
Utente 162XXX

Iscritto dal 2010
Salve, la ringrazio per la celere risposta Le confermo di avere un leggero prolasso della valvola mitralica diagnosticata come un "clic"all'oscultazione e poi confermata da ecocardio.Le mie paure derivano dal fatto che un anno fa mmio padre ha avuto a 57 anni un angina a seguito della quale gli furono applicati 2 stend, effettivamente aveva delle condizioni di rischio tra cui sovrappeso, fumatore e svolgeva attività sedentaria, tuttavia nella famiglia di mio padre dopo i 50 anni ci sono stati molti episodi di attacchi di cuore. La mia paura è di avere una certa familiarità con questa patologia. Effettivamente sono molto magra e il medico mi ha dato il potassio perchè ultimamente non sto facendo una giusta alimentazione. E' comunque da tre giorni che ho dolore al collo e a tratti mi viene un bruciore formicolio al braccio sinistro oltre a forte astenia e mancanza d'aria.Ho anche dolore alla bocca dello stomaco anche se precedentemente avevo avuto problemi di deglutizione e il medico mi aveva riscontrato esofagite a seguito di forte stress lavorativo. Ora volevo chiedere avendo fatto al pronto soccorso l'esame degli enzimi posso escludere che si tratti di cuore oppure se non c'è l'attacco in corso non servono a niente? grazie e scusi per la mia insistenza sono molto ansiosa.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei non ha niente di patologico, stia tranquilla. Il prolasso con l'angina e le coranoropatie non ha niente a che fare. Mangi normalmente, che e' una cosa importate. Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 162XXX

Iscritto dal 2010
Volevo ringraziarla per le celeri risposte, come avrà capito sono molto ansiosa e mi spaventa molto il fatto di sentire un oppressione costante sullo sterno e che al minimo sforzo sento mancanza d'aria. può essere davvero solo ansia? questa sintomatologia è la prima volta che l'avverto così costante da domenica scorsa. Grazie ancora
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Le ho risposto subito proprio perché ho capito che era preoccupata . Con serenità le riconfermo di tranquillizzarsi buona fiornata
[#6] dopo  
Utente 162XXX

Iscritto dal 2010
Salve, mi rendo conto che la sto stressando parecchio e questo mi dispiace ma la sua competenza mi tranquillizza. Volevo porLe e una domanda: leggendo su internet ho letto che il prolasso della valvola mitralica può portare in alcuni casi a morte improvvisa e questo mi ha spaventato. Nella famiglia di mio padre come già Le dicevo c'è una familiarità alle cardopatie seppure dopo i 50 anni(mio zio ne ha 65 e ha avuto problemi di aneurisma all'aorta). E' possibile che essendo la mia una insufficienza mitralica congenita sia ereditaria?
Potrei soffrire anche del QT lungo? l'ho letto su internet e mi sono spaventata molto. La ringrazio anticipatamente della sua disponibilità e delle sue risposte che mi rassicurano molto.
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ascolti... Lei non vada su Internet, perché se no potrebbe ammalarsi anche di...lebbra.
Io feci una tesi di specializzazione sul prolasso mitralico nel 1985. Il prolasso valvolare mitralico è una patologia seria della valvola mitralica, completamente dal ' atteggiamento prolassante di uno dei lembi che penso sia il caso suo. OvviAmente l' ecocolordoppler cardiaco va fatto da una persona competente. Detto questo la sindrome del QT lungo, che lei ha letto, o uno ce l ha e si vede dall ECG o non ce l ha, non è che poi lo contrae....è una cosa congenita, che evidentemente NON ha. Spero di essere stato chiaro. Controlli gli ormoni tiroidei. Cordialita