Utente 171XXX
salve, io ho avuto un problema in quanto sono venuto a contatto con una ferita con un altra persona durante una rapina io avevo dei tagli sulla mano a lui invece sanguinava la testa a fontanella nel retro della nuca. la mia domanda è: se questo rapinatore era affetto dall'hiv è probabile che anche io ne sia infetto? premetto che il contatto con questo individuo è durato pochi istanti perchè poi si è dileguato. attendo una risposta se è meglio fare il test oppure non c'è da preoccuparsi. vi ringrazio a tutti quelli che risponderanno
[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

in teoria il contatto fra sangue vivo di soggetto sieropositivo e un taglio sulla mano potrebbe esporre a contagio.
In pratica, però, è impossibile dare una risposta precisa, per la mancanza di informazioni impossibili da reperire, in particolare, ammesso che quel soggetto sia sieropositivo, la carica virale presente nel suo sangue.

Oltre all'HIV, inoltre, vi sarebbe un potenziale rischio di contagio anche per le epatiti B e C.

Perciò, nel dubbio, conviene sottoporsi ai tests sierologici, tenendo conto anche dei periodi-finestra dei suddetti virus.
Conviene fare anche un test subito per verificare la situazione di partenza, che potrà essere utilissima nel caso che, di fronte ad una malaugurata sieroconversione, vi sia la possibilità di una qualche forma di risarcimento o di indennizzo (tutto dipende in quale luogo è avvenuta la rapina, per esempio se in una banca o in qualsiasi altro ufficio pubblico, o se lei stesso è provvisto di una qualche polizza assicurativa).

Si consulti comunque con il suo medico curante.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
le ferite sulla mia mano erano superficiali e non profonde. ma in teoria il sangue anche se infetto a contatto con l'aria non dovrebbe essere inoffensivo dato che il virus per quanto ne sappia muore se esposto all'aria? in termini di risarcimenti non posso chiedere ancora niente xkè l'individuo è ancora ricercato.
[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
il virus HIV resiste poco nell'ambiente esterno, ma non per pochi minuti e almeno fino a quando il sangue non si secca

il virus HBV resiste molto a lungo, anche nel sangue seccato
il virus HCV meno del virus HBV
[#4] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
lei crede allora che ci sia un probabile contagio da epatite? premetto che sono già sei mesi che questo fatto è avvenuto e per ora non riscontro niente di particolare nel mio organismo. come dovrei comportarmi? la ringrazio per tutte le informazioni che mi ha esposto dottore
[#5] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
le ripeto quanto detto sopra

" nel dubbio, conviene sottoporsi ai tests sierologici, tenendo conto anche dei periodi-finestra dei suddetti virus"

sono passati 6 mesi e tutti i periodi finestra pure (3 mesi HIV. 6 msi HBV e HCV)

Ci tenga al corrente, se lo desidera.
[#6] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio infinitamente per il consiglio dottore. le auguro buon lavoro a lei e a tutti i suoi colleghi