Utente 174XXX
Buongiorno,
ho 27 anni e da circa 10 ho un'allergia nota al Nichel. A gennaio di quest'anno ho avuto una reazione allergica due ore dopo aver cenato con edema ed eritema del volto, soprattutto nella regione periorbitaria e labiale accompagnata da orticaria del tronco e prurito generalizzato. La reazione si è autolimitata e nel giro di 24 ore circa sono tornata alla normalità. In seguito a ciò ho eseguito prick e rast positivi per nichel, logliarello, ambrosia, coda di topo, erba canina, erba mazzolina e gramigna. Le igE totali sono 39 KUI/L. A distanza di 4 mesi, in maggio, l'episodio si è ripetuto, sempre dopo cena, dopo esercizio fisico all'aperto, ma questa volta l'orticaria era estesa anche agli arti e il volto era più diffusamente edematoso, si è presentata anche disfonia e rino-congiuntivite. Rispetto alla prima volta non c'è correlazione con gli alimenti assunti apparentemente. Ho sentito parlare dell'ISAC TEST per la determinazione del CRD. nel mio caso avrebbe senso eseguire tale test? Grazie mille in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Credo che sia necessario fare tutti i test per alimenti commerciali e freschi e capire se esiste correlazione tra alimenti e sintomi o se si possa trattare di una reazione aspecifica. Sicuramente non c'entra il nichel che dà solamente disturbi da contatto.
Cordiali saluti