Utente 522XXX
Operato di ernia inguinale da 2 mesi. Dopo una settimana i dolori nei movimenti sono rapidamente regrediti e non ho più lamentato alcun disturbo.
Ad oggi, alla palpazione sulla cicatrice, avverto un tratto più duro; mi chiedevo se potesse essere la rete non ben distesa e se, nel caso, potesse dare qualche inconveniente. Inoltre non vedo l'ora di riprendere l'uso della mountain bike e a tale proposito il Chirurgo mi aveva detto che a tre mesi dall'operazione avrei potuto riprendere in tutta sicurezza.
Mi farebbe piacere ascoltare un Vs. parere.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Il rilievo di "un tratto più duro" è da considerare normale, ma ovviamente la conferma si può avere solo con
un visita da parte del chirurgo che l'ha operata.
[#2] dopo  
Utente 522XXX

Iscritto dal 2007
Può rimanere così o è destinato a regredire ?
E in assenza di disturbi ritiene che la ripresa dell'uso della mountain bike a 3 mesi di distanza dall'intervento si possa fare in tutta tranqillità.
Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Gentile Utente,
come le è stato già esposto, il "tratto più duro" da Lei avvertito è l'espressione del processo di cicatrizzazione che evolverà certamente verso un progressivo ridimensionamento del fenomeno, pur persistendo in maniera definitiva una zona di relativa maggiore consistenza dei tessuti.
Vengono generalmente sconsigliate le attività fisiche pesanti per almeno due mesi; per una attività particolarmente impegnativa, quale quella cui Lei intende dedicarsi, una astensione più prolungata è probabilmente opportuna.