Utente 175XXX
Buongiorno, innanzitutto ringrazio anticipatamente per la pazienza e la cordiale attenzione, sono un ragazzo di 18 anni appena compiuti, e dopo diversi problemi durante i rapporti sessuali, ho preso il coraggio di affrontare visite, aghi, chirurghi e quant'altro per ovviare al mio problema.
Premetto che la situazione è insolita, non ho mai affrontato una visita urologica e mi sono trovato ad affrontare la diagnosi direttamente in prontosoccorso,
in agosto 2010, sono finito in prontosoccorso per una balanite ( di cui non ne conoscevo causa ne cura ) alchè ho approfittato per un controllo al frenulo.
Ho sempre sospettato di fimosi ma mi è stato diagnosticato il frenulo breve,
il problema è che il pene mi è stato controllato esclusivamente in stato di riposo e non in erezione. Recentemente, di preciso il 7 / 09 / 2010 sono stato operato per frenulobreve, avevo chiesto la circoncisione completa poichè la pelle in erezione mi creava fastidi, gonfiori, restringimento e difficoltà a ricoprire il glande soprattutto se la lubrificazione aveva perso il suo effetto.
I chirurghi hanno fatto ciò che ritenevano idoneo, contro la mia volontà e soprattutto sviando la mia richiesta di circoncisione completa, poichè volevo eseguirla anche per motivi di igiene e di sensibilità.
Dopo l'operazione e le sfuriate contro i meidici mi ritrovo a 25 giorni dal decorso, un punto non è ancora caduto ed è situato sul prepuzio non sul glande, ho sanguinato una volta forse per una prematura caduta di un punto,
ma la cosa che mi preoccupa è che la situazione non è cambiata, in erezione ho sempre gli stessi gonfiori, restringimenti e per di piu ci sono le complicazioni dell'operazione che comprendono :
edemi, chiazze di vario colore ( simili a balanopostite ma di lieve entità )
strano solco appena sotto il glande ( simile a un taglio aperto ma non sanguina ), gonfiore che impedisce il corretto scorrimento del prepuzio sul glande ( comparso da pochi giorni ) rossore in tutto il glande, inoltre noto un rigonfiamento della carne quasi come fosse un bolla dove c'era l'ex frenulo.
Sono stato rilasciato dall'ospedale con un trattamento poco specifico che comprendeva lavaggi in acqua borica ( eseguiti in un bicchiere d'acqua fredda con due tappi di acqua borica ) e applicazione di gentalyn ( tral'altro non specificati i lavaggi e l'applicazione della pomata, io ho adottato per 2 volte al giorno ) .
l'ho fatto per tutti e 25 i giorni fino al 15esimo giorno era tutto regolare, poi sono insorti i sintomi preelencati e quindi le preoccupazioni, ho avuto un controllo dopo il settimo giorno ed era tutto regolare, normalmente abbasso il prepuzio fino alla fine del glande ( per esercitare la pelle all'elasticità )
Premetto che sono disperato e non sò piu cosa fare in quanto il medico mi aveva detto che in 20 giorni avrei ripreso la normale attività sessuale.
Ringrazio anticipatamente per un'eventuale risposta.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,va da se' che,da questa postazione mediatica non si possa contestare l'operato del chirurgo ne'tantomeno sulla utilita' di procedere con un tipo di intervento,piuttosto che con un altro...Non precipiterei il quadro clinico e farei,comunque,riferimento ad un medico reale.Cordialita'.