Utente 175XXX
Buon giorno, sono un ragazzo di 41 anni fumatore. Da febbraio, poco dopo la morte di mia madre, ho quasi perennemente un dolore forte alla schiena supperiore sx, associato a dolori al petto dalla paqrte sx e alla parte superiore del braccio sx. Sono stato dal cardiologo proprio a febbraio, e le condizioni erano buone, eccetto per delle extrasistole sopraventricolari che non lo preoccupavano affatto. Successivamente mi è stato riscontrato una forte iperglicemia e il colesterolo che ho con sacrificio e medicinali riportato a valori nella norma. Il dolore cmq non si arrestava. Tempo fa ho fatto una rx toracica da cui non è emerso nulla di rilevante, e una Tac HD al torace, in cui è emerso solo un linfonodulo paratracheale, di origine calcica. La bronco pneumologa dubitava fortemente che fosse quello il motivo di questi disturbi, ed infatti la cura che ha tentato, cortisone e antiffiammatori, ha lasciato il tempo che ha trovato. Il medico di base a fronte di questi dolori con molta arroganza dice che non ho niente per me lui pensa che con la morte di mia madre sono diventato ipocondriaco che le cose me le invento, non avro' niente pero' diamine i dolori sono continui ed evidenti possibile che non sia nulla? L'ortopedico mi ha prescritto delle laste alla colonna vertebrale che sto aspettando di effettuare (due mesi di attesa!). Se il cuore non è, i polmomi non sono se la colonna vertebrale fosse ok, ma io per questo dolore da chi debbo andare? A volte è talmente forte e non va via con antiffiammatori o calmanti e vorrei arrivare alla causa per fare la cura appropriata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi, dati i suoi fattori di rischio, l'unica cosa seria da fare e' smettere di fumare. Ora. Il rischio di tumore, che lei cerca di escludere con tutti quegli esami, e' molto elevato sei lei continua a fumare. Puo' contrastare la iperglicemia e la ipercolesterolemia, ma ogni farmaco che eli possa assumere sara' vanificato anche per cio' che concerne il rischio di infarto ed ictus. Quindi, se lei fosse davvero preoccupato come dice, dovrebbe smettere di fumare, non domani ma subito.
Cordialita'
cecchini