Utente 141XXX
BUON GIORNO, SONO UNA RAGAZZO DI 30 ANNI, DA MARTEDì HO PRURITO AL PENE LA PELLE SI E' ARROSSATA E HO DELLE PERDITE MARRONI GIALLASTRE.
HO RAPPORTI REGOLARI CON MIA MOGLIE E LEI HA FATTO DIVERSI TAMPONI PER VALUTARE EVENTULI INFEZIONI ED E' RISULTATO TUTTO NORMALE.
MARTEDì MATTINA MI SONO RECATO ALL'OSPEDALE PER FARE UNO SPERMIOGRAMMA E MIA MOGLIE L'ISTROSCOPIA DIAGNOSTICA. POCHE ORE DOPO L'ESAME HO AVUTO I PRIMI SINTOMI DI PRURITO, LA SERA HO AVUTO UN RAPPORTO CON MIA MOGLIE E LA MATTINA SEGUENTE HO NOTATO IL ROSSORE E LE PRIME PERDITE.
COSA PUO' ESSERE? PUO' ESSERE CHE IL LIQUIDO CHE HANNO MESSO A MIA MOGLIE PER FARE IL SUO ESAME ABBIA FATTO MALE A ME?
IL MIO DOTTORE NON SI E' SBILANCIATO MOLTO HA DETTO CHE POTREBBE ESSERE CHE SIA ALLERGICO A QUALCOSA MA NON ERA SICURO O CHE FOSSI STATO A CONTATTO CON QUALCOSA MAGARI ALL'OSPEDALE DOPO LO SPERMIOGRAMMA.
MI HA DATO UNA POMATA PEVARYL, LA METTO DA TRE GIORNI E LA PELLE ESERNA SEMBRA ESSER MIGLIORATA, PERO' LE PERDITE CI SONO ANCORA E MI SEMBRA CHE ORA SI SIA ARROSSATO UN PO IL GLANDE.
COSA MI CONSIGLIATE DI FARE?
VI RINGRAZIO MOLTISSIMO.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta , cioè capire la causa del suo reale problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare a livello diagnostico e terapeutico .

Bisogna, a questo punto, consultare un esperto andrologo con lui decidere quali passi diagnostici fare: esami colturali sulla secrezione che lei lamenta ed eventuali indagini ecografiche.

Più difficile pensare comunque ad una causa secondaria all'indagine ginecologica fatta in precedenza dalla moglie.

Ora risenta il suo medico di fiducia, faccia la valutazione andrologica e poi ci aggiorni, se lo desidera.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 141XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio, quindi se ho capito bene lei pensa che non sia una causa dovuta a mia moglie?
la ringrazio ancora
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Fatta comunque la valutazione andrologica ci aggiorni sulla sua situazione clinica, se lo desidera.