Utente 145XXX
Buonasera volevo cortesemente avere un vostro parere,1 anno fa soffrivo di tachicardia,e ansia e in quel solo periodo (circa un mese a giorni non regolari avevo anche la pressione leggermente alta 90-140 contro i 120-80 di adesso,ho 42 anni.Ho fatto tanti esami datomi dal cardiologo,sangue,tiroide ,elettrocardiogramma ,ecg holter 24 ore,rx torace ed in ultimo elettrocardiogramma sotto sforzo,a parte alcuni asterischi sugli esami del sangue che non il cardiologo ma il medico curante ha definito grossomodo normali ,su tutti gli altri esami nella complessita il cardiologo ha detto andava bene,il risultato finale è stato di prendere e provare del beta bloccante(sequacor 1/2 cp) in caso di nuove tachicardie o ansie.Non li ho poi mai usati e con larrivo dell'estate non ho avuto piu nessun problema di ansia ecc.Da 2 mesi con assoluta irregolarità avverto come un piccolo dolore oppure tocco ...ma sottile al centro petto penso al cuore (è difficile per me spiegarlo,ma per tentare di dare un idea)è come se qualcuno mi toccava per mezzo secondo con un dito e delicatamente il cuore,qualcosa del genere,quindi un dolore sottilissimo oppure piu una percezione fisica di questo tocco.
Più che fastidio ,questa cosa mi da preoccupazioni volevo chiedere se è il caso di intraprendere nuovamente degli esami oppure si ha una spiegazione medica a questo mio problema attuale,che ripeto avviene solo alcune giorni(in 2 mesi penso 5,6 giorni oggi compreso che sto scrivendo) ,e quando avviene si ha per una decina di volte al giorno.
Attualmente ho la pressione normale non prendo nessun medicinale e tutto sommato sono sereno quindi niente ansia,ne tachicardia come 1 anno fa.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Con ogni probabilità si tratta di extrasistolia isolata, evento molto frequente in tutta la popolazione e privo di rilevanza clinica. Quando si rende percepibile, però, essa è particolarmente fastidiosa per il paziente.
Allo stato, vista anche la sostanziale negatività degli esami già eseguiti in precedenza, non appare indicato procedere ad ulteriori accertamenti cardiologici. Se però il sintomo dovesse presentarsi con maggiore frequenza o con caratteristiche diverse, ne parli al Suo curante.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 145XXX

Iscritto dal 2010
Grazie Dr Fedi, sono piu tranquillo adesso.






ps (negli esami fatti ho dimenticato di citare di aver fatto anche ecocardiogramma,lo scrivo solo per completezza di informazione)


Cordiali saluti