Utente 801XXX
Gentile Dottore
soffro da un pò di giorni di uno strano malessere...di giorno sto abbastanza bene ma la sera, anche se mi corico stanchissima, non riesco a prendere sonno poichè sopraggiunge una forte tachicardia, con dolore al petto e sudorazione oppure, com'è successo stanotte, mi sveglio dopo 1 ora con tali sintomi. Siccome in passato ne ho sofferto varie volte, sempre notturna, mi bastava mettermi seduta nel letto o mettermi a pancia in su per sentire i miei battiti tornare all normalità, ma da un pò neanche questo basta più. Poco fa mentre stavo mangiando l'ho avuta per la prima volta anche di giorno.Ho deciso di abbandonare il caffè e mantenere solo quello mattutino. SOno un'insegnante di 29 anni e il mio lavoro è piuttosto tranquillo se nn fosse che per 2 volte a settimana mi devo spostare con i treni in un paesino della mia città e questo mi provoca continue paure di restare sola o incontrare gente strana...cn tutto quello che si sente in tv...solo che di giorno ragiono lucidamente ma la notte mi sembra quasi di essere un'altra persona.
Quel che le chiedo è se ritiene opportuno che io faccia una qualche visita cardiologica e se ci sono i presupposti per farla. Ho sempre paura che la tachicardia si trasformi in un infarto e il dolore al petto e alla spalla che io sento in qualcosa di lancinante (mio padre ha avuto un infarto ad agosto e mio zio è fortemente cardiopatico). Può esserci anche un legame con disfunzioni della tiroide o con l'alimentazione?
Grazie mille. COrdialità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Cara ragazza, è molto probabile, come tu stessa hai ipotizzato, che la tachicardia notturna che talora ti affligge, abbia origine da altre patologie, come quelle tiroidee,o anche a disturbi gastrointestinali o semplicemente ad un particolare stato emotivo. Utile, al momento, l'utilizzo a mio avviso di semplici tranquillanti naturali, come la camomilla o la valeriana, ed eventualmente se i fastidi dovessero ripetersi una visita cardiologica.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 801XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dottore la ringrazio per la celere risposta..lasciando stare per ora allora la visita cardiologica ma volendo fare le analisi per la tiroide a chi mi devo rivolgere? Può esserci inoltre una causa organica del battito accellerato in posizione sdraiata?
Ancora saluti.
Cinzia