Utente 181XXX
Salve,
sono un uomo di 36 anni che da qualche tempo avverte un senso di ostruzione alle vie spermatiche durante il momento dell'eiaculazione e credo che la consistenza dello sperma emesso sia più densa del solito. Devo dire che alcune volte mi era sembrato che la situazione fosse rientrata nella normalità, ma nell'ultimo mese il disturbo si è presentato costantemente. Sono un fumatore, un pò in sovrappeso, non faccio molta attività fisica anche se cammino molto. Mi ricordo che la prima volta che ho avvertito il disturbo (ormai 4/5 mesi fa) avevo fatto un giro con una bici che aveva un sellino scomodo e faceva anche un pò male. Tuttavia il fastidio è continuato a tratti fino ad ora. E come vi dicevo inizialmente, negli ultimi tempi si è presentato senza soluzione di continuità.
Ringraziandovi in anticipo per i vostri consigli e/o suggerimenti colgo l'occasione per porgervi i miei saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Potrebbe trattarsi di un problema infiammatorio a livello delle vie uro-seminali.

Ora però bisogna consultare in diretta un esperto andrologo.

Comunque, se nel frattempo desidera avere altre notizie più dettagliate su eventuali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 181XXX

Iscritto dal 2010
Grazie mille per la rapidità con cui ha risposto alla mia richiesta.
Leggendo il suo articolo ho notato, tra le altre cose, che un lungo periodo di astinenza potrebbe essere una concausa del disturbo da me avvertito. In effetti negli ultimi tempi non ho una vita sessuale regolare, non avendo una compagna e non facendo, se non occasionalmente, pratica di masturbazione. Secondo lei sarebbe opportuno aumentarne la frequenza o, fintanto che non si avvertono dei miglioramenti, astenersi per favorire la guarigione. In ogni caso proverò a ridurre il consumo di sigarette, a praticare un pò di sport ed a seguire un'alimentazione più equilibrata. Nel caso la cosa dovesse persistere, farò una visita andrologica.
Volevo chiedrle inoltre se il dolore provocato dal sellino della bicicletta potesse essere una concausa tra quelle annoverabili per questo tipo di patologie.
Ancora tante grazie e un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Parto dall'ultima domanda dicendole che il dolore può indicarci un problema , una concausa al suo disturbo.

Poi le consiglio di seguire attentamente le indicazioni lette ed in contemporanea sentire in diretta un esperto andrologo.