Utente 171XXX
Gentili medici, vi prego di rispondere al mio consulto poichè nei precedenti non mi è stato fatto.
Ho bisogno di aiuto.
In seguito ad una presunta balanopostite con crciori al glande (con rossore) e in un punto preciso del prepuzio esterno che non aveva nessuna lesione dermatologica, st soffrendo da 4 mesi.
Dopo visite dermatologiche che hanno escluso tutto, sono stato curato pre prostatite da un urologo. Niente di fatto. Dopo varie peripepzie arrivo da un buon neurologo che mi ha diagnosticato Neuropatia periferica (con probabile interessamento del Pudendo). Non avevo altri sintomi solo bruciore al glande e prepuzio esterno.
Mi da lyrica 75 mg e e dopo un mese tofranil 10 mg. Insieme a tofranil Bagni caldi per rilassare la muscolatura.
Dopo soli 3 giorni e bagn cald i sintomi spariscono tutti. Addirittura sparisce la secchezza e il rossore del prepuzio e la forte secchezza.

Il problema è che dopo 6 giorni ho dovuto interrompere subito il tofranil erce mi portava erezioni continuate la notte e soprattutto una ipersensibilità del glande sotto forma di eccitazione. Vi assicuro che è una cosa terribile. Ho sempre come un senso di eccitazione qualsiasi sia la cosa che appoggio al pene.
La cosa ssurda è che questo senso di eccitazione e sensibilità perdura anche dopo eiaculazione e solo dopo qualche minuto si placa un p, ma se tocco..è sempre li.
Passati tutti i bruciori si è presentato questo dramma.
Non ho fimosi o parafimosi o infezioni. Tutto regolare. I dolori-bruciori al prepuzio sono scomparsi..resta questa maledetta continua ipersensibilità con eccitazione al tatto anche senza erezione. Non credo che la circoncisione serva a nulla inquesto caso. Ovviamente anche se con masturbazione-eiaculazione superveloce perche son gia a eccitatissimo sempre.
L' erezione riesco a raggiungerla fermandomi un po ed è perfetta.
Preciso che in questo periodo non ho rapporti , ma solo masturbazione. Essa è necessaria altrimenti impazzisco.
Cosa devo fare?Neurologo o andrologo?
Se il tofranil ha agito cosi forte vuol dire che il disturbo è neurologico vero?
Secondo voi puo essere stato il tofranil?
Possono essere i bagni caldi?
Questa ipersensibilità di nervi e/o recettori del glande può essere reversibile senza uso di creme e cremine?
Soprattutto, vista la "singolarità del problema" poss sperare in una cura che risolva il problema o mi devo aspettare terapie a vita di farmac contro l' eiaculazione precoce?
Vi èmai capitata una cosa simile?
Dunque,Vedro specialisti,perdonatemi se vi scrivo spesso, ma io ho bisogno di molti pareri e soprattutto della vostra vicinanza. Cosa che non sto avendo ultimamente..Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

la mia impressione ( ma senza poterla visitare ogni diagnosi è sub judice) è che lei abbia utilizzato una terapia "esagerata" per un problema contenuto ( è come se lei avesse chiamato i pompieri per spegnere il gas sotto la moka del caffè, certo i pompieri le spengono il gas ma quasi sicuramente le rovinano casa, cucina, mobili, pavimenti etc, etc...e pòoi le mandano un conto salato)
Risenta il suo urologo e non cerchi patologie insolite e poco probabili
Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Dottore era la sua risposta che speravo.
Il problema di bruciore e anche alla mucosa si è placato con il tofranil e mi dicono che di prostatico non ho nulla. Lei mi consiglia quindi di seguire solo la strada neurologica? O di fare ancora tutti gli esami urologici gia fatti?Il mio urologo a questo punto mi ha detto di seguire una strada neurologica.

Poi volevo chiederle se secondo lei questo caso si risolverà o se rientrerò nella statistica dei casi di eiaculazione precoce.???
Da quanto leggo la terapie prevedono: Circoncisione (ma io lo escludo perche è tutto nella norma laggiu e il problema del dolore solo il tofranil lo ha risolto); Antidepressivi SSRI che riducono poco la sensibilita ma portano impotenza, creme e cremine momentanee, e molecole che agiscono 15 minuti prima.
Ma non tornerò mai come prima.
L' ipersensibilità al glande di origine neuropatica non sembra risolvibile.
Premetto che prima ero normalissimo.
Non so che fare.
Io vorrei fare visite private, ma è che preferirei un ospedale dove ci sia andrologia e neurologia insieme perchè le due cose non dovrebbero essere separate.

Dottore passerà??O dovrò solo tamponare e accettare un nuovo stato di cose?

Mi scusi lo sfogo ma sono 4 mesi di inferno.
Grazie
Giuseppe
[#3] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Dottore Pozza e colleghi.
Volevo fare una domanda che ho già fatto a un vostro collega neurologo.
Con il Tofranil 10 mg bruciori e i dolori in quel benedetto punto del prepuzio esterno e al glande sono spariti.
Anche i dolori tipici da prostatite diminuiti. Urinavo tranquillamente e senza alcun buciore.
Addirittura il glande non era più secco e appariva di colorito normale
Tralasciamo un attimo gli effetti collaterali che si stanno attenuando dall' interruzione.
Il mio urologo visto che dal secreto prostatico e dalla spermiocoltura fatta 3 mesi fa risultava enterococco (tampone uretrale negativo e balanoprepuziale negativo) e da allora ho fatto 2 cicli forti di antibiotici, mi ha detto che anche secondo lui il problema è di una lieve neuropatia.Anche perchè i bruciori aumentavano se stavo seduto o se stavo troppo in piedi, diminuivano dormendo ecc.
Adesso io mi fiderei e la curerei con fiducia, ma mi viene un dubbio.

Se farmaci di tipo neurologico migliorano la situazione, questo esclude a priori una causa ti tipo batterico?
(gli antinfiammatori-cortisone ecc non fanno nulla).

Visto che dall' interruzione del tofranil stanno diminuendo gli effetti collaterali come l'ipereccitabilità del glande e sta tornando un po di bruciore nell' urinare questo vuol dire che è neurologico o solo che la sensibilità tornata normale mi fa sentire di nuovo i sintomi di un infezione in corso.

Ho gia parlato col mio urologo e vedrò un altro neurologo e urologo ma vorrei sapere un vostro parere.
Visto che il caso pensa sia molto insolito e interessante magari potete aiutarmi a spiegare la situazione.

Ipotizziamo: secreto prost, spermiocoltura, tamponi vari negativi.
Glande secco e solo un po arrossato solo dopo eiaculazione.
Bruciore in un punto e solo in un punto di mezzo centimetro del prepuzio.
Nessuna restrizione del prepuzio che è perfettamente scorrevole e normale.
Bruciore nell' urinare.
Tre urologi mi hanno assolutamente vietato di parlare di circoncisione sia perchè non ce ne sarebbe bisogno per il problema del glande in se, sia perchè non centra niente con i muscoli del pavimento pelvico e sintomi da prostatite.

Oggi ho fatto esami TSH,TF3, TF4, emoglobina glicosilata.

Dottore, discuta con me.
Non cerco diagnosi, ma cerco pareri e vicinanza.

Grazie