Utente 183XXX
Salve,
vi scrivo riguardo al fatto che il mio pene, circonciso, in stato di flaccidità sprofonda completamente arrivando a misurare 0cm. In erezione invece misura i classici 13 cm per 12 di circonferenza.
Premetto che sono stato sempre in sovrappeso finché a 18'anni (ora ne ho 29) sono passato da 80 kg a 70 inpoche settimane.

Il problema è quindi durante la giornata quando sento questa fastidiosa e innaturale sensazione del pene affogato, cerco continuamente di farlo riaffiorare per avere un po' di sollievo.
C'è poi anche il lato sociale: negli spogliatoi mi sento diverso, perché gli altri hanno tutti degli organi che pendono quando io invece ho un puntino a raso col corpo. Anche se so che tutto ciò è solo in apparenza, più di tanto non mi rassicura. Il senso di diversità persiste malgrado abbia sempre cercato di non dargli troppo peso. Ed è inutile negarlo, chi mi vede nota la stranezza.

Non mi sono mai fatto visitare da un andorlogo, anche perché a parte per questo motivo non ne ho mai sentito la necessità.

Gradirei un vostro parere sul caso.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

è giunto il momento di un confronto serio e diretto con un esperto andrologo.

Detto questo poi posso assicurarle che l'apparenza può avere dei risvolti "interessanti e curiosi" come al circo ma, mi creda, è mille volte meglio un uomo che sa davvero come procurare piacere al partner e che conosce bene il suo corpo, anche se non ha un pene da "elefante", piuttosto che un "elefante" che, sotto le lenzuola, è un pò "imbranato" o, peggio ancora, pensa solo a se stesso.

Comunque, se desidera avere più informazioni dettagliate su questo particolare tema andrologico, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/202-misure-pene.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

effettui una visita andrologica.

Nel caso permangano ipotesi di "disagio" rispetto alle dimensioni del pene sarà poi cura dell'andrologo indirizzarla verso un sessuologo.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Ora, fatta la valutazione specialistica, comunque ci aggiorni, se lo desidera.

Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Sono stato da un andrologo il quale mi ha diagnosticato un pene palmato.

Grazie e buon lavoro.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il pene palmato è una anomalia congenita in cui la cute dello scroto si estende in modo esagerato sulla faccia ventrale, cioè la porzione inferiore, del pene.

In molti casi di pene palmato la forma e le dimensioni sono normali.

Spesso questa anomalia congenita si associa ad una ipospadia, cioè ad un sbocco non regolare del meato uretrale, sempre lungo la faccia ventrale e non all’apice del pene.

In questi casi, se non si hanno altri problemi, si consiglia un intervento chirurgico per rimodellare la cute dello scroto e quindi anche del pene.

Sul problema ipospadia poi può anche leggere il nostro Minforma a questo link:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/395-ipospadia-epispadia-imperfezione-uretra.html .
[#6] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Ho subito l'intervento per correggere il pene palmato.

Il problema del pene sommerso/infossato però è tutt'ora presente, e anche più fastidioso di prima, continuo a provare noia nell'avere il pene che viene inghiottito dal corpo.

Il medico che mi ha visitato una settimana dopo l'intervento, diverso da quello che mi ha operato, attribuirebbe la causa al cumulo di grasso che vi è nel pube, io però peso 172kg (dopo una dieta oltre 10 anni fa) per 180cm per cui sinceramente dubito che possa essere solo questa la causa.

Apprezzerei un vostro parere e consiglio.

Grazie
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

prima di fare qualsiasi altro passo, soprattutto di tipo chirurgico, per miglioarre il suo aspetto estetico a livello dei genitali, bisogna ora pensare ad una dieta e/o ad un provvedimento terapeutico capace di ridurre la sua massa grassa!

Ancora un cordiale saluto.


[#8] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Err
ore di battitura: 72 kg
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene allora bisogna in primis ricontattare il suo chirurgo e con lui ridiscutere la sua attuale e reale situazione post-chirurgica

Nullaltro, senza una valutazione clinica diretta, possiamo dirle di serio.
[#10] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Salve Dr.

ho provato a rivolgermi al chirurgo che mi ha operato ma purtroppo si è dimostrato ben poco disponibile a darmi ascolto, mi sono quindi rivolto a un secondo andrologo chirurgo il quale, dopo avermi visitato, mi ha consigliato il seguente intervento:

Allungamento penieno a riposo (Sezione legamento sospensore + interposizione di distanziatore pubo-cavernoso + plastica di allungamento cutaneo dorsale infrapubico a V → Y) e di eventuale associato allargamento penieno, con tecniche extracavernose (questo perché mi ha riscontrato un pene di "dimensioni ai limiti inferiori della norma").

Un suo parere sarà gradito.

Saluti



[#11] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

lei ha un pene di dimensioni assolutamente normali per un uomo italiano di razza bianca.
Se ha dei problemi nel farsi vede negli spogliatoi o in palestra eviti di andarci. Si vive assolutamente bene e soddisfatti anche senza andare in Palestra!
Per i rapporti sessuali dovrebbe trovare la partner adatta con la quale condividere anche gli aspetti sessuali.
Diffidi di certi specialisti, frequenti a Milano e Roma e propensi ad operare, tagliare legamenti, inserire cose.........chiaramente dietro lauto compenso economico, (mai inferiore ai 5000 Euro) e che si faranno firmare una marea di documenti da cui risulterà che è stato lei a scongiurarli di operare, che loro non volevano, ma che lei ha insistito tanto da convincerli.........in modo tale che nessuno potrà mai imputarli di qualcosa se sopravvenissero delle antipatiche complicanze.
Cari saluti
[#12] dopo  
Utente 183XXX

Iscritto dal 2010
Terrei a precisare che l'aspetto estetico occupa solo una parte del problema, il resto è il fastidio/disagio che provo costantemente nell'avere il pene completamente rientrante nel corpo.
Inoltre questa situazione mi impedisce di muovermi in maniera naturale e istintiva nel senso che ogni volta che mi siedo o mi muovo cerco di farlo in modo tale che il pene resti esterno al corpo, e quando ciò non avviene sento l'esigenza di farlo uscire, certo che quando non sono solo il bon ton mi impedisce di farlo e quindi mi costringe al disagio.

Ecco il perché delle mie più approfondite indagini sulla questione.

Ad ogni modo considererò seriamente il suo punto di vista su alcuni mediici e sui contro dell'intervento.

Cordialità
[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

dia retta alle saggie parole del collega Pozza.

Ancora un cordiale saluto.