Utente 184XXX
Salve,
alla mia bimba di 20 mesi è stato diagnosticata una malformazione anale consistente nell'eccessiva chiusura dello sfintere con conseguente dolore e mancata espulsione dlle feci se non un forma semi liquida sotto opportuno lassativo somministrato in maniera giornaliera.
Mi sono state prospettate due strade:
Il tentativo di dilatazione meccanica utilizzando dei dilatatori affiancati da opportuna dieta e ammorbidenti fecali oppure l'intervento chirurgico..

Vi chiederei un suggerimento e soppratutto dei riferimenti per eseguire un secondo consulto in qualche ospedale/centro specializzato, trovandomi in sardegna credo di dover pensare i spostarmi per il nuovo consulto.

Vi ringrazio Cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio F. A. Cutrupi
28% attività
4% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Gent.ma Mamma,

le malformazioni ano rettali ( MAR) sono svariate e quindi fidandoci di quello che hanno diagnosticato i colleghi le strade mi sembrano percorribili in entrambe i sensi.

quali accertamenti le sono stati proposti per arrivare a questa diagnosi, con quali riscontri?

ci tenga informati.

perchè emigrare altrove, in Sardegna vi sono dei buonissimi centri di chirurgia pediatrica.

cordialità
[#2] dopo  
Utente 184XXX

Iscritto dal 2010
Salve,
Ringraziandola per la sollecitudine nella risposta cerco di darle maggiori informazioni.

Non mi è stato proposto nessun accertamento ulteriore e questo mi lascia perplessa..
La presunta Malformazione(io continuo a chiamarla presunta.. ) è stata dichiarata dopo una visita manuale e visiva.
L'idea di emigrare è arrivata dallo stesso pediatra che sostiene invece che non ci siano centri di chirurgia pediatrica abbastanza validi per affrontare un intervento di chirurgia ricostruttiva ano -rettale in sardegna.
Vorrei aggiungere che il consulto al medico che ha diagnosticato la cosa è avvenuto dopo 20 mesi di lassativi giornalieri prescritti da un altro medico a pagamento che però non ha mai parlato di malformazioni ma che effettivamente non aveva mai fatto una visita ispettiva come quella eseguita dal secondo medico..
In sostanza la bimba da quando è nata (nascita prematura alla 35 sett con ricovero post-nascita di un mese per arresto cardio circolatorio all nascita APGAR bassisimi)
è sempre stata definita stitica nonostante le feci non siano particolarmente duro e nonostante in mancanza di lassativo la bimba tenti in maniera continua durante tutta la giornata ogni gg di spingere per evacuare senza successo..Preoccupata per la somministrazione continua di svariati tipo di lassativo (sedastip,levolac,movicol..)dall'età di un mese ho cercato un altro conulto per risolvere questa "stipsi" ma la risposta è stata quella che le ho descritto "la bimba non è stitica ma solo il suo canale anale è troppo stretto e non le permette di evacuare feci solide che si accumulano creando quindi le masse di dimensioni abnormi "megafecalomi" che creano dolore e sanguinamenti".

Scusi se sono stata prolissa ma vista la sua rapida risposta nella quale non speravo ne approfitto..
Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Antonio F. A. Cutrupi
28% attività
4% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008

Grazie a lei per la consulenza,

normalmente la diagnosi di malformazioni ano rettali si pone già alla nascita per il semplice ritardo di evacuazione del meconio, ovvero le prime feci.
certo è che venti mesi con disturbi fecali mi sembra un pò esagerato.

il follow up in questi casi si risolve con un buon Rx addominale o invertogramma e in primis con un'anoscopia.

troverà una piccola scheda esplicativa sulle suddette malformazioni anche nella mia pagina web che recupera anche dalla mia scheda personale in medicitalia.

alla voce malformazioni ano retto.

da qui mi risulta un pò difficile comunque darle altre informazioni , non lo trovo molto etico e deontologico.

ogni bene e ci tenga informati.

cordialità