Utente 184XXX
Salve sono un ragazzo di 24 anni. Avrei 2 problemi riguardo alla sfera sessuale: il primo è che fatico a mantenere erezioni durature durante un rapporto sessuale, il secondo è che, tramite masturbazione noto nel momento dell'eiaculazione una lieve perdita di erezione, cosa che ancora non verifico durante un rapporto sessuale avendo problemi nella stimolazione e il raggiungimento dell'orgasmo. Sono stato operato (circonciso) a causa di una fimosi all'incirca all'eta di 15-16 e non ho mai avuto altro tipo di patologie gravi. Grazie anticipatamente per il grande aiuto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,

potrebbe trattarsi di un problema psicologico, vista anche la sua giovane età, ma mai escludere altri temi ed in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la reale causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare a livello diagnostico e terapeutico .

Bisogna, a questo punto, consultare un esperto andrologo.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Caro Ragazzo,
mi associo al Dr.Beretta nella risposta.
Valutata la sua giovanissima età, una disfunzionalità della capacità erettiva, potrebbe contribuire a destabilizzare tono dell'umore, coppia ed autostima, così dopo un'accurata diagnosi andrologica, le suggerirei qualche colloquio di counseling psico-sessuologico, al fine di poter approcciare questo momento di difficoltà sessuale, con modalità poliedriche e non cadere nel circolo vizioso dell'auto-osservazione dei suoi genitali, atteggiamento disfunzionale e nocivo a salute e benessere sessuale.
Cari auguri
[#3] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

credo che prima di dover pensare a fattori "psico-sessuologici" si debba capire se i suoi meccanismi erettili ( ormonali, vascolari...) funzionino bene.
Non è infrequente il caso del maschio che sente di avere l'erezione fintanto che il suo pene venga stimolato manualmente ( il che porta ad un aumento dell'afflusso arterioso) dalle proprie od altrui dita ma che tende a perdere velocemente la rigidità ed erezione nel momento di pausa per mettersi il profilattico, per posizionarsi per la penetrazione....fino alla perdita quasi completa della erezione.
In questi casi sicuramente scatta un meccanismo di ansia, panico con produzione di sostanze adrenergiche che vanno a bloccare il sistema arterioso peggiorando ulteriormente l'erezione.
veda qualcosa su www.erezione.org
Altri hanno opinioni diverse, ma la medicina è fatta così!
cari saluti
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
per agganciarmi alla risposta del DR.Pozza, nessuno le ha suggerito il contrario, ma valutata la sua giovane età e la "non sdiscindibilità" tra aspetti organici e psico-sessuologici( lei non ha un femore rotto), cause ed effetti in ambito sessuologico, emozuionale e relazionale si inetresecano con modalità esponenziale, amplificando il disturbo clinic;, attenzionare anche altro, rispetto all'aspetto meramente organicista, potrebbe solo darle giovamento.
Le due figure professionali, lavorano in sinergia, non si escludono a vicenda.
sempre auguri
[#5] dopo  
Utente 184XXX

Iscritto dal 2010
Grazie a tutti dei preziosi consigli, davvero molto utili, in questi casi è facile cadere in una spirale di immotivata ipocondria. Ancora grazie.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
A questo punto le consigliamo di non entrare in circuiti di ansie e paure inutili e complesse da risolvre e, consultato il suo andrologo, poi ci aggiorni, se lo desidera.