Utente 184XXX
Il mio problema è quello di soffrire di una fastidiosissima eiaculazione precoce riguardo un rapporto sessuale,ee ciò è una cosa molto imbarazzante a tal punto che può in un certo senso portare a una minore fiducia in sè stessi,ansia da prestazione e tante altre conseguenze.Ho potuto constatare che tenendo per un pò di tempo scoperto il glande esso "ossidandosi" è meno sensibile,quindi da qui mi è nata un'idea:perchè non tenere abbastanza spesso il glande scoperto in modo da ridurne la sensibilità allo scopo quindi di migliorare magari le prestazioni sessuali?!
Ora per il poco che ho provato lasciarlo scoperto anche dentro è piuttosto fastidioso,ma oltre quello mi chiedevo se può anche causare altri problemi questo procedimento,problemi dovuti a irritazioni ecc.Potete darmi qualche chiarimento a riguardo?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la eiaculazione precoce rappresenta il disagio sessuale piu' frequente che vede il maschio impreparato ma disposto ad allenare la fantasia pur di "risolvere" il problema.Esistono terapie empiriche (creme,spray etc.) ma anche la dapoxetina,farmaco specifico.Va da se' che il caso vada preso in carico da uno specialista che,dopo una visita ,ed un'attenta diagnosi,potra' decidere in merito,anche,alla manovra che propone.Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
mi associo al Dr.Izzo nella risposta.
L'eiaculazione precoce è una disfunzione sessuale che compromette la fase della risposta orgasmica, caratterizzata dall'assenza di controllo del riflesso eiaculatorio, disfunzione nella quale cause ed effetti( ansia ed incapacità a procastinare il punto di non ritorno eiaculatorio) si intersecano tra di loro e concorrono a mantenere il disturbo clinico.
Diagnosi andrologica , come primissima tappa e poi si valuta il protocollo terapeutico più adatto a Lei
L'approccio terapeutico, potrebbe essere:
counseling psico-sessuologico,
psicoterapia,
terapia di coppia ad orientamento sessuologico, trattamento integrato( farmacoterapia e terapia mansionale),
farmaco on de mand( cioè al bisogno).
Ottimale sarebbe però un lavoro mirato e caleidoscopico, adatto alla sua storia clinica e sessuale
Cari auguri