Utente 109XXX
Buongiorno,sono una ragazza di 27 anni ed ho appena scoperto di essere incinta.Purtroppo però prendo un betabloccante,per la precisione mezza compressa di concor al giorno,a causa del wolf parkinson white. può creare problemi in gravidanza? Devo sospenderlo? Posso sostituirlo con un altro che non ha controindicazioni in gravidanza? ho letto sul bugiardino che ha un sacco di effetti collaterali.
Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,
anche se l'uso dei betabloccanti non è assolutamente controindicato in gravidanza (tranne che per l'atenololo), in genere se ne sconsiglia l'uso specie nel corso del primo trimenstre o per lunghi periodi, dato il maggior rischio per il bambino di basso peso alla nascita. Si preferisce quindi modificare tale terapia sostituendo il betabloccante con molecole appartenenti ad altre classi di farmaci (ad esempio, propafenone) nel caso si ritenga assolutamente necessaria la profilassi delle aritmie. Di caso in caso si sceglie il farmaco ritenuto più indicato e se ne sceglie il dosaggio, spesso variandolo nel corso della gestazione.
La Sua gravidanza andrà quindi seguita oltre che dal ginecologo anche da un collega cardiologo che stabilirà, con l'ausilio di accertamenti specifici, se e quale terapia seguire.
Tanti auguri!
[#2] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
buonasera dott.
grazie per la celere risposta.
ho letto sul bugiardino del concor da 10 mg. che non contiene l'atenololo ma bisoprololo.
posso ignorare quindi le controindicazioni del bugiardino riguardo la gravidanza,dal momento che mi trovo bene?
oppure,riesce ad indicarmi il nome di qualche betabloccante a base di propafenone?
grazie mille
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,
forse non mi sono spiegato bene, e me ne scuso.
Nella mia precedente risposta ho scritto che non vi sono controindicazioni assolute per l'assunzione di betabloccanti in gravidanza (cioè tassativo obbligo di sospensione della terapia), ma che per i motivi già esposti se ne sconsiglia l'uso.
Quindi, se il Suo cardiologo ritenesse indispensabile nel Suo caso specifico la profilassi di eventi aritmici, valuterà se continuare la terapia necessariamente con il bisoprololo o se sostituirla con altro antiaritmico il cui uso è meno rischioso in gravidanza.
Le rinnovo gli auguri!