Utente 329XXX
Ho 28 anni e sono sposato da 14 mesi e da 10 io e mia moglie (anche lei di 28 anni) stiamo cercando invano di avere un figlio avendo rapporti mirati.
La scorsa settimana ho eseguito uno spermiogramma che mi ha dato i seguenti risultati:
quantità in ml 2.6
pH 7.6
n° di spermatozoi (milioni/ml) 16
n° di spermatozoi (milioni) in totale 41.6
mobili per eiaculato a 60' 30%
liquefazione e viscosità nella norma
colore bianco grigiastro
aspetto torbido
ESAME DELLA CINETICA
mobilità rettilinea veloce a 60' 10% a 120' 10%
mobilità rettilinea lenta a 60' 5% a 120' 5%
mobilità non rettilinea a 60' 15% a 120' 10%
immobili a 60' 70% a 120' 75%
leucociti: n° di cellule p.m.c. 2-4
cellule spermatogenetiche presenti, numerose
agglutinati di spermatozoi assenti
altri elementi: alcune emazie
forme anomale presenti
forme anomale più frequenti: anomalie alla testa

SPERMIOCITOGRAMMA
forme normali 30%

Ho eseguito il prelievo a casa e l'ho consegnato in ospedale entro 10 minuti.
Mi preoccupa particolarmente l'esame della cinetica. Secondo lei i valori sono ostativi all'ottenimento di una gravidanza? Se ci sono problemi, cosa ritiene che sia opportuno fare?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore 3290,

in effetti la motilità degli spermatozoi non è particolarmente brillante e potrebbe ostacolare una fecondazione
Io ripeterei l'esame con una spermiocoltura ed AntiBioGramma e mi farei visitare da uno specialista
www.andrologia.lazio.it
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore 3290,

in effetti la motilità degli spermatozoi non è particolarmente brillante e potrebbe ostacolare una fecondazione
Io ripeterei l'esame con una spermiocoltura ed AntiBioGramma e mi farei visitare da uno specialista
www.andrologia.lazio.it