Utente 187XXX
salve, mia madre è morta il mese scorso all'età di 51 anni dopo aver avuto un edema polmonare. nessuno mi ha saputo dare una risposta ben precisa per quanto riguarda la causa di questo edema ma io ho bisogno di saperlo. allora lei da piccola a 12 anni ha avuto una malattia reumatica che le ha causato problemi alla valvola mitralica. in seguito 8 anni fa ha avuto un ictus, dopo qualche anno dall'ictus ha eseguito un'intervento al cuore per la sostituzione della valvola mitralica con una valvola metallica. andando avanti nel tempo lei si era stabilizzata stava bene aveva trovato il suo equilibrio attraverso la sua cura del cumadin. pochi mesi fa ha cominciato ad avere delle coliche addominali così dopo essere stati in pronto soccorso è stata operata alla colecisti. per l'intervento ha dovuto sospendere il cumadin ma faceva una puntura di eparina al giorno. l'intervento pare sia andato bene. dopo una settimana da questo è tornata a casa e continuava a stare bene. una sera dopo 10 giorni che stava a casa, mettendosi a letto ha cominciato ad avere affanno e così abbiamo chiamato il 118. arrivati in pronto soccorso hanno diagnosticato un edema dopo 2 ore è deceduta. la domanda che mi perseguita è se questo edema sia dipeso dall'intervento?dalla sospenzione del cumadin??ho bisogno di una risposta!!grazie..a spetto con ansia una risposta....

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,esprimere peareri a distanza è di solito delicato ed impegnativo,in particolare quando il quesito è del tipo da lei richiesto. Se le può essere di solievo,ipotizzo che l'edema polmonare si sarebbe verificato(essendo sua madre comunque cardiopatica)indipendentemente dall'intervento.
L'intervento di necessità,la doverosa sostituzione del Coumadin con l'eparina a basso peso molecolare ,il normale decorso postoperatorio immediato e a dieci giorni,non mi sembrano elementi di responsabilità di quanto accaduto.Certamente i colleghi che hanno avuto in cura la paziente,potrebbero dare risposte più esaustive.
Cordiali saluti