Utente 188XXX
Salve gentili dottori,
sono davvero fortunato ad aver trovato un sito come questo, dove é possibile chiedere un consultino stando nascosto dietro ad un monitor. Non mi lamento per le mie misure, perfettamente rientranti nella norma, ma ho dei problemi a mantenere l'erezione quando arrivo alla penetrazione con la mia donna, cosa che non succede quando mi masturbo o quando facciamo ad esempio sesso orale. Ormai é la quarta volta che ci proviamo, e credetemi, queste situazioni stanno avendo un impatto psicologico devastante sulla mia autostima... L'ultima volta che ci ho provato, ho preso da un mio amico che compra in farmacia con prescrizione medica, una pillola di viagra da 50mg, ma niente, non ho risolto un bel nulla... I preliminari vanno alla grande, ma quando si arriva alla penetrazione, dopo un paio di volte che cerco di farlo entrare mentre é duro e non entra, inevitabilmente l'erezione scende e non c'é modo per recuperarla. Dottori io sono disperato, veramente non ce la faccio piú, sto andando in crisi e non sono piú in me. Cosa ho che non va? Per favore, prendete a cuore il mio problema e consigliatemi la strada piú giusta per me. Vi ringrazio anticipatamente per la vostra professionalitá. Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,alla Sua eta',e non solo,la possibilita' che si manifesti un deficit erettile al momento della penetrazione vaginale e' un evento abbastanza frequente che porta a modificare l'atteggiamento del maschio verso il coito.
L'impatto psicologico e' scontato ed il disagio sessuale non andrebbe risolto con una banale assunzione di un farmaco proerettile che,se non prescritto da uno specialista,corredato dai consigli sulle modalita' di assunzione,puo' facil-
mente portare,oltre che ad un fallimento ulteriore, ad un accanimento che complica il quadro clinico.Prenda una "pausa prestazionale" eo non si risolve spontaneamente, privilegi il petting superficiale,nonche' situazioni logistiche idonee (camera da letto e non auto...),e,se il quadro clinico non si risolve spontaneamente,contatti un andrologo.Cordialita'