Utente 188XXX
caro dottore o dottoressa le scrivo per pormi il mio problema, o 18 anni; circa un mese e mezzo fa dando un pugno al muro mi sono rotto e inclinato il quinto metacarpo del mignolo appena successo il fatto o messo ghiaccio e come uno stupido sono andato in ospedale dopo 10 giorni risultato? mi steccano il dito passa un'altra settimana e niente da fare l'ortopedica mi dice che non può fare più niente perchè oramai si è formato il callo osseo.
Mi mettono il gesso e lo tolgo dopo quasi un mese, ieri so andato da uno specialista di chirurgia della mano che a lo studio nella mia città (ma lavora a roma) gli o portato la mia lastra post-gesso a misurato i gradi d'inclinazione del mio metacarpo inclinato.
Mi a consigliato di non farmi operare anche perchè sono ancora in fase di sviluppo e mi ha detto che l'osso potrebbe anche prendere 10 gradi dell'inclinazione che aveva in origine la domanda che le pongo è questa: il metacarpo umano che graduzione ha normalmente ? le pongo questa domanda per farmi un'idea di come tornerà la mia mano e se possa darmi complicazioni col tempo anche se le ripeto che lo specialista mi ha detto che in fase di sviluppo il mio osso prenderebbe questi 10 gradi di giusta inclinazione; comunque io muovo perfettamente la mano come prima, apparte per il callo osseo molto fastidioso.
la ringrazio per la risposta
Cordiali Saluti
Francesco

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Buonasera, Francesco,

da quello che scrive, ritengo che non debba fare assolutamente nulla.

Queste fratture "da pugno" sono tipiche e determinano un'angolazione verso il palmo della "testa" del 5° metacarpo: di norma guariscono senza creare alcun problema funzionale, cioè la mano si apre e si chide regolarmente con una forza identica a quella di prima.

Se l'angolazione supera i 20-30 °, si verifica semplicemente che quando si stringe il pugno la "nocca" del 5° dito (che corrisponde all'articolazione metacarpo-falangea) resta più infossata rispetto alle altre, che invece sembrano più sporgenti.

Durante l'estensione delle dita, invece, può verificarsi che , mentre le altre dita "salgono" normalmente, il mignolo resta un pò più basso.

Tutto qui.

Pertanto, concordo con la Collega che le ha detto di non operare.

Cordiali saluti.