Utente 191XXX
Salve. Sono un ragazzo di 24 anni, e vi chiedo informazioni riguardo un problema che mi è capitato di recente.
Durante un rapporto sessuale in posizione "pecorina" il pene è fuoriuscito (forse a causa della troppa foga) e si è piegato, con conseguente dolore (seppur non troppo forte).
Il rapporto è continuato e finito senza problemi e senza dolori, cosa che mi fa escludere una rottura dell'organo, ma si è presentato un problema che mi ha un po' preoccupato.

Successivamente, durante un altro rapporto, l'erezione non era più dura e vigorosa come solito, ma più "molle", tanto che non è stato possibile portare a termine quel rapporto (la classica "cilecca", per capirci).
Il giorno dopo tentando di farlo diventare eretto come se dovessi masturbarmi, poi, l'erezione non era completa, ma solo parziale e molto breve (forse a causa, questo, del mio eccessivo stato di preoccupazione a riguardo).

E' possibile che il piegarsi del pene sia correlato a questo problema?
E' possibile che i troppi rapporti sessuali (8 tra giovedì e domenica, con un venerdì in cui non vi è stato modo di avere rapporti) abbiano "affaticato" il pene tanto da farlo stare meno eretto del solito?

Grazie comunque della risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,mi fermerei alla considerazione del trauma,che puo' giustificare una minore resa "per difesa" del parenchima traumatizzato.Non si metta piu' alla prova ed approfitti di un breve periodo di riposo...aggiornandoci,se ritiene.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
Innanzitutto la ringrazio per la risposta così celere.

Non presento dolore, quindi il trauma non l'ho considerato così importante, ma seguirò il suo consiglio.

Quale durata potrebbe avere la resa "per difesa", così da capire se è un problema più o meno grave e se è necessaria una visita specialistica o semplicemente un po' di riposo?

Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non esiste uno standard per la "difesa",segua l'istinto.Se il problema permane,esegua una visita andrologica.Cordialita'.