Login | Registrati | Recupera password
0/0

Quale intervento alle carotidi?

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2011

    Quale intervento alle carotidi?

    Ecocolordoppler TSA: "Pervietà dell'arteria carotide comune, carotide esterna e carotide interne bilateralmente. Presenza di placca fibrocalcifica a margini irregolari a carico dell'arteria carotide interna dx determinante una riduzione del lume vasale pari al 85% (VPS 300 cm/sec)con verosimile immagine di ulcerazione. Presenza di placca fibrocalcifica a margini regolari a carico del'arteria carotide interna sx determinate una riduzione del lume vasale pari
    al 50%.
    Arterie vertebrali bilateralmente pervie; flusso normodiretto."
    Circa un anno e mezzo fa l'ecodoppler rilevava 65% a dx e 50% a sx.
    Sono in cura con Micardis Plus (80mg/12,5g) per la pressione (pressione media ultime 30 misurazioni 130/84), Crestor (10 mg) per colesterolo, Ticlopidina (250 mg) (sono allergico all'aspirina) + Avodart per la prostata. Sono tabagista e un po' sedentario.
    Le ultime analisi del sangue (2.12.2010) rilevavano: Colesterolo tot 158; HDL 52; LDL 83. Trigliceridi 122. Glicemia a digiuno 116; post prandiale 99; Emoglobina glicata 5,8. (Non vi sono significative differenze dalla precedenti).
    Dovrò, naturalmente e a breve, sostenere un intervento. La domanda è: qual è, in questa situazione, l'intervento più adatto? L'endoarteriectomia oppure lo stenting carotideo? Si equivalgono o vi sono differenze? Potete darmi un suggerimento?
    Ringrazio per l'attenzione.
    Cordiali saluti




  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 16 Medico specialista in: Cardiochirurgia

    Risponde dal
    2007
    ci sono pro e contro per entrambe le metodiche. di certo è che deve operarsi e la tecnica chirurgica è quella che si fa da più tempo percui è più semplice trovare chirurghi esperti ovunque. lo stent si adopera da pochi anni e i risultati attuali non permettono di comparare completamente le due metodiche, inoltre dipende dall'eperienza del centro e dell'operatore, ne segue che non tuti gli ospedali usono questa tecnica.


    Giuseppe Pugliese

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2011
    Gentile dott. Pugliese, la ringrazio per la sollecita risposta.
    Il medico che mi metterebbe lo stent ha una lunga e comprovata esperienza nel campo (decine di interventi settimanali). Arei desiderato sapere se al momento dell'intervento vi è rischio (statistico?) maggiore, nell'uno o nell'altro caso, di provocare ictus; e se la durata dello stent può essere paragonabile a quella dell'intervento chirurgico. Ma forse la risposta me l'ha già data quando dice che i risultati attuali non consentono di comparare completamente le due tecniche.
    La ringrazio di nuovo e le porgo cordiali saluti




Discussioni Simili

  1. Caviglia gonfia
    in Chirurgia vascolare e angiologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10/09/2010, 09:56
  2. Tromboflebiti
    in Chirurgia vascolare e angiologia
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 27/08/2010, 17:56
  3. Placca fibrocalcifica
    in Chirurgia vascolare e angiologia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24/08/2010, 16:16
  4. Info esito angiotac
    in Chirurgia vascolare e angiologia
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08/09/2009, 15:40
  5. Ateromasia dell ' arco
    in Chirurgia vascolare e angiologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 30/03/2009, 21:02
ultima modifica:  13/08/2014 - 0,09        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896