Utente 297XXX
Gentili dottori: grazie in anticipo delle vostre risposte.
Leggendo il vostro forum mi è venuto il dubbio di essere affetto da fimosi. Durante l'erezione infatti il glando non è mai scoperto, tuttavia se provo a scoprirlo durante l'erezione o a riposo il prepuzio scorre senza problemi, ma quando lo lascio ritorna su.
Oltretutto hoo notato, alla base del glande, dei piccoli follicoli bianchi che ricordano molto quei foruncoletti che le nonne definivano i "semi di miglio".
Ancora una cosa. Sul dorso del pene, sin da quando ho memoria, ho fomata una vena che dalla base arriva fin sotto il glande, curvando poia sinistra, e con un angolo tale da formare una piccola circonferenza proprio in quella zona.
Consigli?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Il Consiglio migliore, Genitle utente, è quello di inquadrare correttamente il suo caso.

Questo in riferimento al problema fimotico o para-fimotico che descrive: nella stessa sede si potrà identificare con esattezza le altre cose di cui parla, che comunque seppur in via non vincolante potrei affermare siano completamente fisiologiche.

Potrà far questo dagli specialisti di riferimento come il Dermatologo-Venereologo ed il Chirurgo urologo.

cari saluti.
Dott. Luigi LAINO
Specialista Dermatologo e Venereologo, Roma
[#2] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
sono daccordo con il collega per valutare la fimosi e quei piccoli foliicoli bianchi che lei descrive
per la vena nulla di patologico
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
concordo anche io con chi mi ha preceduto
[#4] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Trattandosi di una condizione locale è assolutamente indispensabile una valutazione obiettiva diretta per cui è consigliabile una visita presso un urologo della sua zona territoriale.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.