Utente 193XXX
Salve a tutti,
sono un ragazzo di 19 anni ed è almeno due anni che mi sono accorto di avere un pene curvo, solo che fino ad un annetto fà, avendo avuto qualche rapporto "occasionale", non mi sono interessato molto, anche sono stato sempre un pò perplesso su tale curvatura.
Adesso, dopo aver avuto numerosi rapporti sto iniziando ad rendermi conto che questo "difetto" influisce molto sulla mia vita sessuale, sia perchè mi da un pò di insicurezza e sia perchè comunque crea difficoltà durante il rapporto sottoforma di dolori, miei e della mia partner.
Negli ultimi giorni cercando su internet ho notato che non sono poche le persone ad avere questo "difetto" e questo un pò mi fortifica, tuttavia ho anche capito che è possibile attraverso un intervento chirurgico sistemare la curvatura a discapito di qualche cm.
La mia curvatura è dorsale e direi che supera i 45° e misura 19cm. Potreste darmi informazioni riguardo il costo dell'intervento, le possibili implicazioni (cicatrici o altri problemi), correzzione curvatura e soprattutto quanti cm perderei?? Grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
ogni caso va valutato a se, ma in effetti una curvatura di 45° potrebbe necessitare di una correzione chirurgica. E' possibile che lei abbia una curvatura congenita, come testimonia la sua giovane età e la considerevole lunghezza che ci riporta.
In merito alle sue domande:
-costo: in ambiente pubblico o convenzionato il costo è zero, in ambiente privato dipende da specialista a specialista;
- implicazioni: dipendono dalla tecnica utilizzata, e vanno discusse con chi la opererà;
- perdita in lunghezza: in parte dipende dal lato della curvatura (per esempio una curvatura verso l'alto non necessita di essere corretta completamente, ma una verso il basso sì); può avere una generica idea facendo due misurazioni a massima erezione, partendo dallo stesso livello alla base del pene e sottraendo alla lunghezza del lato convesso (quello lungo) la lunghezza del lato concavo (quello corto).
[#2] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Egregio dottore,
la ringrazio per la risposta veloce e chiara, ho ancora qualche domanda e spero che lei possa aiutarmi.
Riguardato l'operazione, in ambiente pubblico dove posso farlo? Io vivo a Palermo e sinceramente non so a chi rivolgermi(come pubblico), sarei disposto anche a viaggiare in tutta italia se il costo dell'operazione è gratis, tuttavia se il costo non è elevatissimo potrei anche rivolgermi a un privato, per questo motivo le chiedo di darmi un valore approssimato del costo dell'operazione in ambito privato.
Per quanto riguarda le possibili complicazioni mi va bene la sua risposta ma volevo soltanto sapere, visto la sua esperienza, quali possono verificarsi, non vorrei diventare impotente o avere una totale perdità di sensibilità, preferirei tenerlo così, ho un pò di paura.
Per quanto riguarda la lunghezza il lato più corto misura 18cm mentre il lato più lungo 20cm circa. Quindi quanto perderei?
La ringrazio infinitamente.
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
vedo di darle ulteriori delucidazioni:
-per l'intervento può cercare un Andrologo vicino a lei sul sito della Società Italiana di Andrologia (www.andrologiaitaliana.it); fuori dalla sua zona ed anche in altre regioni esistono sia strutture pubbliche che private convenzionate cui potrebbe fare riferimento per un intervento coperto dal Sistema Sanitario Nazionale. Per costi in ambito privato puro non mi sembra appropriato affrontare l'argomento su questo forum; affronti direttamente l'argomento con il Professionista cui decidesse fare riferimento;
- complicanze: è molto basso, quasi inesistente il rischio di avere perdita di sensibilità permanente o difficoltà erettile con un intervento ben fatto;
- perdita di lunghezza: da quanto le ho già scritto parrebbe potersi ipotizzare in 2 cm.
Suggerirei di presentarsi a valutazione andrologica con delle autofotografie eseguite in varie proiezioni, in stato di massima erezione.
[#4] dopo  
Utente 193XXX

Iscritto dal 2011
Egregio dottore,
mi consola la sua risposta sulle possibili complicazioni e anche sulla perdità di lunghezza. Per quanto riguarda qualche struttura pubblica o centro convenzionato saprebbe consigliarmene qualcuno? (In Sicilia o non, non fa differenza).
Se non vuole dare "preferenze" la comprendo benissimo.