Utente 476XXX
Buongiorno dottori sono Aleandro e ho 28 anni. In data 30 giugno ho eseguito intervento per ernia al pube a seguito del quale si è verificato un gonfiore sul testicolo dx durata circa 10 giorni, gonfiore controllato e a parere del medico nella norma. Sono sposato da circa due mesi e da 2 settimane ho problemi nell'avere l'erezione ossia durante i preliminari il mio pene è "abbastanza" in erezione ma prima della penetrazione torna a "riposo". Prima del matrimonio e dopo l'operazione ho avuto rapporti con la mia attuale moglie senza che si sia verificato alcun problema(é da tener presente che avevamo rapporti sporadici mensili). Adesso invece, o comunque nel primo mese di matrimonio, abbiamo rapporti giornalieri e solo adesso si stanno verificando questi problemi. Può essere il problema appena esposto un evento verificatosi a seguito di intervento? Ho paura che possano aver commesso qualche sbaglio. Inoltre il gonfiore verificatosi al testicolo dx lato dell'operazione potrebbe aver procurato dei problemi di produzione dello sperma (il primo mese abbiamo provato ad avere un bambino ma mia moglie ha avuto il ciclo)? Sta di fatto che adesso non riesco ad avere una buona e duratura erezione e quindi rapporti completi. Grazie in anticipo per le vostre risposte, resto in attesa Aleandro

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,
è difficile pensare ad una correlazione tra un'ernioplastica e una caduta dell'erezione durante un rapporto sessuale di tipo penetrativo. Un modesto gonfiore testicolare invece, dopo ernioplastica, non è infrequente e dipende dalle strutture anatomiche del funicolo spermatico che vengono mobilizzate durante l'intervento. Anche questo non porta generalmente a problemi sulla qualità del liquido seminale . A questo punto comunque le consiglio di "monitorare" il problema , eventualmente riconsultare il chirurgo che l'ha operata e, se il disturbo dovesse continuare e persistere, sentire anche il parere di un esperto andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#2] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,per ernia al pube intende un'ernia crurare o inguinale?
Per quanto riguarda le due domande occorre necessariamente una visita
specialistica che Le consiglio di eseguire quanto prima.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Utente 476XXX

Iscritto dal 2007
Gentili dottori Vi ringrazio per la Vostra Cortese e sollecita risposta. Ho già contattato il medico che ha eseguito l'intervento per lui non ci sono problemi. Trattasi di ernia inguinale.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
caro signore,
è opportuno fare un pò di chiarezza
1 lè difficile che l'intervento di ernia inguinale possa portare alla disfunzione erettile.
2 il gonfiore testicolare è un evento molto comune dopo tale intervento però visto che non l'ha mai fatto le consiglio di praticare uno spermiogramma per valutare la sua fertilità e cmq un solo mese di tentativi è poco per dire che esiste qualche problema.
3 le consiglio cmq una visita uroandrologica sia per valutare la sua problematica erettile che per quella riguardante la patologia erniaria
cordiali saluti
Dott. Giuseppe Quarto
www.prevenzioneprostata.com
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
l'intervento non ha relazione con la disfunzione erettile
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Fatte le valutazioni del caso ci tenga informati, se lo desidera.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org