Utente 198XXX
Buongiorno ho 20. chiedo anticipatamente scusa se per esporre il mio problema parto da lontano ma il punto è per me capire se ho un problema psicologico o problema andrologico.

Ho sempre avuto il pene ricurvo verso il basso. Psicologicamente mi ha sempre dato fastidio ma poi nei rapporti non ho mai avuto problemi di erezione, solo a volte durava poco, o meglio durava finchè il pene era sollecitato ma se mi fermavo dopo 30 secondi l'erezione scendeva ed era difficile riprenderla. l'inclinazione è ben visibile (classica forma a banana). 2 anni fa durante un rapporto mi si è lacerato il frenulo breve e sono stato operato. anche dopo l'operazione nessun problema durante i rapporti apparte a volte la durata come prima detto.

Sono stato per 4 anni con una ragazza, poi nel giro di 1 mese sono sorti problemi e l'ho lasciata (2 settimane fa) per un altra. ora il problema è che con questa ragazza, che mi attrae fisicamente, ieri abbiamo provato ad avere il nostro primo rapporto ma..quando sono stato li per iniziarlo materialmente sono stato preso dall'ansia dal panico e l'erezione è scesa e non c'è stato modo di riprenderla. il punto è: sono felice di stare con lei ora, ma tutti questi avvenimenti improvvisi mi hanno turbato ed è da 2 settimane che ho una costante ansia e battito cardiaco accellerato. sono una persona insicura e ho sempre avuto l'ansia da prestazione. La mia ragazza di prima era vergine quando c'è stat la prima volta, questa invece no e quindi la mia ansia da prestazione si accentua.
Quello che volgio sapere è: è una situazione psicologica momentanea data dall'ansia e stress quindi è solo troppo presto x avere un rapporto con questa ragazza o è un problema andrologico che sta aumentando vista il lieve ma sempre presente in passato problema di durata dell'erezione, vista anche la forma del mio pene?

ringrazio anticipatamente per l'aiuto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
un pene curvo che non impaccia erezione non fa nulla. Il motivo più frequente di deficit erettivo alla sua età e visti i sintomi è psicogenico. Consulti comunque un collega per scartare cause rare ma possibili: ormonali o prostatiche. Eccezzionali le cause vascolari alla sua età.
[#2] dopo  
Utente 198XXX

Iscritto dal 2011
dunque lei dice che è solo un problema psicologico momentaneo dovuto a tutti i cambiamenti improvvisi e al fatto che sono molto ansioso di mio?

l'unica perplessita è che è sempre stata un po una mia ''caratteristica'' il fatto che la durata ell'erezione senza alcuna ''sollecitazione'' è breve.

grazie per la tempestiva risposta
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Le ho detto ipotesi più probabile.
[#4] dopo  
Utente 198XXX

Iscritto dal 2011
be si certo capisco non si puo dire nulla di certo sono d'accordo.

per quanto riguarda il fatto che è sempre stata un po una mia ''caratteristica'' il fatto che la durata ell'erezione senza alcuna ''sollecitazione'' sia breve crede che ci sia una qualche patologia?

chiedo scusa per le domande frequenti ma la situazione mi turba e mi preoccupa, e vorrei risolverla al più presto. Sicuramente consulterò a breve anche il mio medico
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
ecco bravo conatti il medico, che qua si sta predendo in ipotesi confusive.
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
mi associo al DR.Cavallini nella risposta.
Legga, se desidera, questo mio articolo, credo troverà qualche spunto di riflessione e, consulti l'andrologo, per evitare voli pindarici con la fantasia.
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/232/I-disturbi-dell-erezione-l-imbarazzo-del-primo-contatto

Saluti
[#7] dopo  
Utente 198XXX

Iscritto dal 2011
la ringrazio, ho letto il suo articolo. Le pongo una domanda: essendo che la mancata erezione mi è successa la prima volta pochi giorni fa e questo stato d'ansia anche è sorto da 2 settimane circa in seguito agli avvenimenti da me riportati nel mio primo intervento, crede che possa sistemare le cose da solo con forza di volontà e determinazione, e parlandone con la mia ragazza come ho gia fatto o pensa che comunque la situazione sia destinata a peggiorare se affrontata da solo? lei non mi mette in imbarazzo anzi vuole aiutarmi quindi sono tranquillo a parlarne con lei.

grazie per l'aiuto