Utente 198XXX
buonasera,
mi capita da qualche mese che diverse volte, seduto sulla sedia oppure a gambe incrociate sul letto, avverto la sensazione di oscillare o meglio guardandomi allo specchio oscillo proprio.
In particolare il busto e la testa ondeggiano avanti e indietro come se fossi seduto in barca.
alla sera letto alcune volte invece mi capita di avere dei piccoli sobbalzi ritmici, non capisco da dove siano generati, ma il corpo da testa a piedi vibra ritmicamente.
l'impressione è che sia i movimenti da seduto che da sdraiato siano "sincronizzati" con il battito cardiaco.
*cardiogramma, cardiogramma sotto sforzo, ecocolordoppler cardiaco non evidenziano assolutamente nulla di anomalo
*esami del sangue nella norma
*la pressione minima/massima e i battiti per minuto sono normali anche in questi episodi

il medico di base suggerisce che si tratti di un po' d'ansia

le ultime 2 sere a letto i sobbalzi erano piuttosto forti, e avevo l'impressione che il ritmo respiratorio seppure regolare e "soddisfacente"
venisse ostacolato (come ostruito) nell'istante della pulsazione cardiaca.
Mi sono un po' preoccupato, tanto da chiedermi se fosse il caso di andare al prontosoccorso (cosa che poi non ho fatto)
durante la giornata sono stato bene.

vi scrivo quindi per avere un opinione a riguardo.

in modo particolare l'ansia può arrivare a giocare addirittura questi brutti scherzi? o forse dovrei richiedere ulteriori indagini?




Valuta ospedale

[#1] dopo  
172248

Cancellato nel 2011
Gent.mo Utente,

Di sicuro non c'è bisogno di Pronto Soccorso. Dubito che i Suoi sintomi mettano a repentaglio la Sua vita e questo e non altri è il motivo per rivolgersi al Pronto Soccorso.

Quello che Lei nota è probabilmente un fenomeno piuttosto comune che rispecchia l'urto del flusso di sangue sulla Sua aorta e sui grossi vasi. Appare anche piuttosto evidente come Lei sia molto attento a tutti i segnali che Le giungono dal corpo e vi ponga sopra un discreto carico emotivo. L'ansia fa questo e molto di più.

Vorrei reiterare che il Pronto Soccorso non deve essere considerato come un "ambulatorio libero" o un "ambulatorio della Domenica" ma come un luogo dove ci si reca quando è a rischio la pelle. Se non è così, si contribuisce a congestionare dei servizi già uniformemente sovraffollati con tutto lo spreco di risorse di cui, poi, ci lamentiamo continuamente.

Saluti