Utente 199XXX
Maschio 40, moderatamente sovrappeso.
Da lunedì sera/martedì mattina, dolore all'addome come uno stiramento dei muscoli (che non ho) addominali.
Il dolore viene avvertito anche dietro sullo stesso asse sotto la scapola destra.
Il dolore anteriore si stabilizza poi con una fonte che stimo a 2cm alla mia destra dall'ombelico e si espande verso destra orizzontalmente per circa 10cm poi nulla, intorno, a sinistra niente.
Il dolore è strano e sembra provenire dalla pelle e non dall'interno, personalmente lo stimo ad una profondità di circa 3cm.
Il semplice sfregamento degli abiti mi da noia (se non dolore).
Il dolore è fisso, non cala e non cresce, non è fortissimo, riesco bene o male a fare tutto, ma non ci dovrebbe essere. Non c'è posizione che ne modifichi l'intensità.
Paradossalmente a pancia scoperta sto meglio (elimino lo sfregamento).
Quello alla schiena invece assomiglia molto a qualcosa di muscolare.
Su consiglio della mamma prendo un buscopan avendo questa ipotizzato qualcosa a livello intestinale. Nulla di fatto.
Giovedì sera dal medico di base, al quale riferisco il dolore all'ombelico e quello simmetrico alla schiena.
Segue palpazione dell'ombelico con 2 dita e 3 colpi di tosse, diagnosi "piccola ernia ombelicale", e per la schiena viene addotto come causa l'uso dello scooter.
Nessuna cura, solo nimesulide in pasticche (al bisogno) per la schiena e nulla per la pancia.
La causa dell'ernia: la panciona e l'eta.
Me la tengo insieme a quella inguinale e alla iatale.
Chiedo per 2 volte se l'ernia può dare tali dolori alla pancia e in entrambi i casi mi viene confermato che senz'altro può essere la causa. La spiegazione è che i muscoli si sono li lacerati e dolgono per quello.
Rimane il fatto che la pancia mi duole.
Ho preso il nimesulide 3 volte con un temporaneo miglioramento (più alla schiena), ma niente di significativo.
Può quindi davvero dare dolore l'ernia? Devo pensare a qualcos'altro?
E' ovvio che tornerò del medico, ma non vorrei aggiungere psicosomaticamente quello che non c'è.
Di natura sono ansioso.
Non ho motivo di dubitare delle parole del mio medico del quale non posso dire nulla di negativo, ma spesso avere un ulteriore punto di vista è confortante.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Non sono d'accordo con l'utilizzo del Buscopan, che coprendo alcuni segni puo' risultare dannoso per la corretta diagnosi. Va bene invece il Nimesulide, ovviamente con attenzione e sempre a stomaco pieno, sebbene questo farmaco non sia curativo ma riduca soltanto i sintomi. Tutte le ermie che lei ha sviluppato sono probabilmente dovute all'eccessiva pressione endoaddominale, per cui ovviamente la riduzione di peso sarebbe piu' che auspicabile. Poi occorre una consulenza chirurgica per capire queli di queste ernie possa meritare una riparazione mediante un apposito intervento.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio Dott. Spina della pronta risposta, è da precisare qualora non si sia evidenziato che il buscopan non è stato ovviamente prescritto dal medico di base, bensì dalla mamma.
Ho riferito al medico di aver preso il buscopan, il quale l'ha subito scartato sia per inadeguatezza che per modalità.
La riduzione di peso è nei miei programmi, la pancetta mi pesa nel vero senso della parola.
Quello che mi chiedo è se l'ernia ombelicale diagnosticata possa darmi questo dolore molto localizzato e fisso.
Ancora grazie

p.s. Verifico che opera nella stessa struttura dove mi reco periodicamente per "altri" fatti, sono seguito dal Prof. Nero (angiologia), piccolo il mondo...
[#3] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

nonostante i limiti di una valutazione a distanza, quello che lei descrive potrebbe essere una ernia ombelicale.

l'ernia ombelicale ed anche quella inguinale possono andare incontro a possibili complicanze. per tali motivi non posso condividere il suo punto di vista espresso nel senso di non voler sottoporsi al trattamento e tenersi queste patologie.

mi spiace peraltro che lei possa associare queste patologie anche "all'età", considerando la sua "estremamente elevata" (in questo ci metto anche qualcosa di personale!!!...).

le auguro una buona domenica
[#4] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
Grazie Dott. Catani per il suo intervento, non mi sono sottratto agli "obblighi" sanitari, quando ho saputo della prima ernia trattabile (inguinale), ho prontamente avuto modo di sentire più chirurghi, 3 su 4 hanno ritenuto non ancora necessario l'intervento.
In merito all'età, è una considerazione non mia, il mio medico ha imputato gli accadimenti alla mia condizione sovrappeso e all'età.
Ovviamente non so dire se i miei 40 anni offrono una predisposizione a tali acciacchi. Dalla sua non associazione non posso che beneficiare.
Mi rimane il mal di pancia...
[#5] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
Avevo gia' letto che la "prescrizione" non era del Medico, bensi' della mamma... anche perche' in un caso simile nessun Collega credo si sognerebbe di darle il Buscopan!
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
un controllo clinico porebbe essere utile.
[#7] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
un controllo clinico porebbe essere utile.