Utente 819XXX
Gentile dottore,
sono una ragazza di 27 anni affetta da una grave forma di allergia.
sono allergica alle cupressacee ma vivendo in aperta campagna non posso fare a meno di evitare cipressi e ginepri e così in periodi come questi la rinite allergica aumenta notevolmente. ho fatto pure delle terapie di acque termali salso bromo iodiche senza ottenere risultati.
Un altro problema sono le allergie alimentari, molte causate dall'allergia all'assenzio (così mi disse il mio allergologo) tipo carote, sedano, kiwi, banana, camomilla...) poi sono allergica a tutta la frutta secca (nocciole, arachidi, noci...), miele, pomodoro, aglio e pesca.
da circa 2 anni prendo lo stesso antistaminico il cui principio attivo è la mizolastina. attualmente mi rendo conto che non mi sta facendo più niente, può essere che il mio organismo sia assuefatto o forse l'allergia si è aggravata notevolmente? in realtà tutte le volte che mangio ho tantissimo prurito al palato e sembra quasi che anche la mela mi faccia allergia? si può essere allergici alla mela?
inoltre volevo sapere se mi può dare qualche consiglio o se esiste qualche tisana, cura naturale che posso associarea all'antistaminico che assumo giornalmente. grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Esistono i vaccini antiallergici per gli inalanti e se eseguiti con destrezza sanno alleviare i sintomi.
Riguardo gli alimenti questo dipende da una sensibilità soggettiva e da reazioni crociate.
Riguardo la mela ha reazioni crociate con le betullacee e tutto è possibile.