Utente 105XXX
Salve
volevo chiedere un vostro parere vista la vostra professionalità
dopo un ricorso fatto presso la usl contro la certificazione lavorativa con esito positivo (la postazione vennè giudicata non idonea )la mia dita mi pose a "riposo"lavorativo ora mi è arrivata una convocazione presso la u.o.c di medicina legale e delle assicurazioni ...di cosa si tratta?e che risvolti potrei aspettarmi?
grazie cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Nicola Mascotti
40% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
la richiesta di visita medica collegiale presso l'U.O. di Medicina Legale dell' ASL da parte del Datore di Lavoro è di solito finalizzata ad ottenere una valutazione di inidoneità alle mansioni.

Le rammento comunque la previsione di tale evenienza è contemplata nel D. Lgs. 81/08, art.42 Art. 42.
(Provvedimenti in caso di inidoneità alla mansione specifica: Il datore di lavoro, anche in considerazione di quanto disposto dalla legge 12 marzo 1999, n. 68, in
relazione ai giudizi di cui all’articolo 41, comma 6, attua le misure indicate dal medico competente e
qualora le stesse prevedano un’inidoneità alla mansione specifica adibisce il lavoratore, ove
possibile, a mansioni equivalenti o, in difetto, a mansioni inferiori garantendo il trattamento
corrispondente alle mansioni di provenienza).

Il Collegio Medico dell’ASL spesso viene chiamato in causa impropriamente con richiesta di accertamenti sanitari di idoneità od inidoneità non finalizzati ad un trattamento pensionistico.
L’eventuale accertamento dell’idoneità fisica, ai sensi dell’art. 5 comma 3, Legge 300/70, dovrebbe infatti essere effettuato dal Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro, che è pure l'organo di Vigilanza (ex art.41, comma 9 del D. Lgs. 81/08) cui vanno presentati, dal Lavoratore, i ricorsi avverso il giudizio del medico competente aziendale.
Le consiglio di farsi assistere, per la visita alla quale è stata convocata, dal Medico Legale del Suo Patronato.

Distinti Saluti.


[#2] dopo  
Utente 105XXX

Iscritto dal 2009
quindi secondo Lei è normale che la mia ditta anche avendo un medico competente interno che si è già espresso sbugiardato dal servizio Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro,) mi convochi a questa visita presso l'U.O. di Medicina Legale della usl di comptenza ?
grazie .cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Nicola Mascotti
40% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,
la convocazione a visita medico-collegiale presso l'Unità Operativa di Medicina Legale, come già detto, dovrebbe essere finalizzata all'accertamento di idoneità o non idoneità all'attività lavorativa per scopi pensionistici, ove previsti dai contratti di lavoro.
Tuttavia un eventuale giudizio di non idoneità potrebbe essere utilizzato contro il lavoratore.
A tale scopo Le ho raccomandato di farsi assistere per la visita da un Medico Legale del Suo Patronato, onde verificare che il giudizio del Collegio non sia a Lei sfavorevole.
Nello specifico, il giudizio che Lei dovrebbe tentare di ottenere è quello di "riduzione della capacità lavorativa in occupazioni confacenti alle attitudini, ma proficuamente impiegabile in mansioni equivalenti (ove possibile)od in mansioni inferiori (conservando il trattamento economico delle mansioni di provenienza)".
Il giudizio da evitare è invece quello di "inabilità permanente a qualsiasi proficuo lavoro", che di per sè è presupposto per la cessazione dell'attività lavorativa.

Distinti Saluti.
[#4] dopo  
Utente 105XXX

Iscritto dal 2009
posso rifiutarmi di andare?
p.s ho anche una invalidità appena ottenuta pari al 34%_
[#5] dopo  
Dr. Nicola Mascotti
40% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,
per quanto concerne la possibilità di rifiuto a sottoporsi ad accertamenti sanitari richiesti dal Datore di Lavoro alla ASL, dovrebbe consultarsi col Suo Patronato, per verificare se ciò è contemplato nel contratto di lavoro.

L'invalidità cui Lei fa riferimento è probabilmente un riconoscimento di Invalidità Civile, che nel concreto non assume rilevanza, perchè è un settore di tutela che è dedicato principalmente a soggetti non in attualità di lavoro, e non è il Suo caso.

Ancora Distinti Saluti.
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività
8% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Se la richiesta è stata fatta ai sensi dell'art. 5 L. 300,dal Datore di lavoro all'ASL, è obbligata a presentarsi,esibisca l'altro verbale della Commissione ASL, e non si preoccupi, con una invalidità bassa del 35%, sarà certamente considerata "idonea al lavoro".
[#7] dopo  
Utente 105XXX

Iscritto dal 2009
Egregio dottor Golia si ha centrato il problema ,la richiesta è stata fatta ai sensi dell'art. 5 L. 300,dal Datore di lavoro alla medicina legale e delle assicurazioni della asl ,visità già fatta ma che sembra non riguardasse l'idoneità al lavoro ma alla postazione specifica ,perchè mi hanno fatto visionare la saturazione e le foto di una postazione, a tutt'oggi non ho la risposta che sembra sia stata inviata solo al mio datore di lavoro ,a me personalmente è arrivata per conoscenza solo una missiva contenente il costo della visita
Vista la sua preparazione in materia che strumenti ho io in mano per poter impugnare la decisione che secondo il mio umile parere è inadeguato e non di competenza visto che di idoneità alla postazione se ne occupa il Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro, e in ultimo devo richiedere al datore di lavoro la certificazione di idoneità alla postazione specifica da parte del medico aziendale competente(visto che ve ne sono ben 3/4 nella mia ditta)
la ringrazio e la saluto cordilamente