Login | Registrati | Recupera password
0/0

Pressione mandibolare, tremolio arti, debolezza arti, stanchezza

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2008

    Pressione mandibolare, tremolio arti, debolezza arti, stanchezza

    Gentili Medici,

    Sono una ragazza di 25 anni. Lavoratrice.
    Sono reduce da 2 mesi intensi di trasloco e poco riposo psicologico.
    Sono una persona iperattiva che non si ferma mai, ma da una settimana sento che il mio stato di salute va peggiorando.
    Premetto che sono una persione ansiosa, quindi vivo i miei sintomi come grandi ostacoli del quotidiano.
    Premetto anche che al lavoro e nella sfera privata sono stata contorniata da persone con gravi problemi; ad una mia collega di 59 anni hanno diagnosticato la SLA ed un tumore al cervello ad un amico di famiglia.
    Mi faccio prendere molto psicologicamente da queste cose.

    Nel contempo ho iniziato ad avvertire fitte agli arti inferiori e superiore la settimana scorsa accompaganto da tremolii degli stessi.
    Inoltre ho da 2 anni un dente del giudizio incluso che è cresciuto in senso orizzontale. Ho sempre posticipato l'intervento, e ora da 4 giorni avverto, una forte pressione mandibolare stto l'orecchio, accompagnata ad una pressione della lingua in zona anteriore.

    Mi sento completamente rallentata, sia nelle articolazioni che nel parlare.
    Ho la pressione bassa di mio (max 95, min 55 misurata 3 giorni fa).
    Mi sveglio già stanca alla mattina, vorrei solo restare a letto a dormire.
    Appena faccio troppo mi viene quasi da svenire, allora mi stendo.
    Ho delle fitte che partono dalla mandibola e vanno fino al collo alla testa.
    Ieri sera durante la cena mi è venuto un attacco di panico perchè con la pressione mandibolare e della lingua ho fatto fatica a deglutire.
    E nel contempo sento i miei arti sempre più deboli e tremolanti nel controllarli.

    Ho fatto le analisi generici del sangue che domani andrò a ritirare e pensavo di fare una visita gnatolotica per chiarire la situazione del dente del giudizio.

    Mi rendo contro che sono tanti sintomi diversi tra loro, infatti non riesco a trovare un collegamento tra di essi, il che mi fa preoccupare.

    Non so bene da dove partire per fare le giuste analisi e per poter escludere qualche malattia grave.

    Spero di poter avere un consiglio utile da parte vostra.

    Grazie in anticipo,

    A.





  2. #2
    professionista non più iscritto (id: 172248)
    Gent.ma Utente,

    Credo che la Sua scelta di una consulenza gnatologica per chiarire le condizioni dei denti sia una scelta saggia, dal momento che parte dei Suoi sintomi potrebbero essere riferibili a granulomi apicali. A quelle che Lei definisce "analisi generali", aggiungerei un assetto tiroideo e un Rx torace e un'ecografia addominale, sempre se il Suo medico è d'accordo e non ha altri progetti. Potrebbe anche essere utile una consulenza Neurologica per escludere una malattia dei muscoli che però, da come scrive, sembrerebbe improbabile.

    Una volta escluse tutte le altre cause con queste indagini, si dovrebbe considerare, visti i cambiamenti nella Sua vita avvenuti di recente, un'ipotesi depressiva che spiegherebbe praticamente tutto e si potrà decidere se procedere a valutazione psicologica e/o terapia farmacologica.

    Auguri.

  3. #3
    Utente donna
    Iscritto dal
    2008
    Grazie mille Dottor Benci.
    Provvederò a seguire i suoi consigli.
    Mi sento molto agitata e se penso a tutte le eventuali malattie probabili mi sale l'ansia a mille.

    Sono andata a ritirare le analisi del sangue e tutto sembra normale.

    Ho un forte mal di testa che va e viene insieme ad una sensazione di oppressione della gola e mandibola sotto alle orecchie che persiste.

    Nel mentre c'è qualcosa che posso fare?

    Saluti,

    A.



  4. #4
    professionista non più iscritto (id: 172248)
    Faccia attività fisica.

    Non c'è nulla da ridere: aumenta le endorfine, aiuta a liberare la mente dai pensieri ossessivi (compresa la troppa attenzione ai propri sintomi) ed è un coadiuvante riconosciuto nelle sindromi ansiose e in quelle depressive.


Discussioni Simili

  1. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 18/04/2011, 10:10
  2. Colera
    in Medicina generale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10/05/2011, 21:47
  3. Malattia rara sconosciuta
    in Medicina generale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04/06/2011, 01:18
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10/03/2011, 18:04
  5. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 17/01/2011, 16:54
ultima modifica:  14/04/2014 - 0,09        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896