Utente 206XXX
Buongiorno, ho 39 anni e da 3 anni mi è stato diagnosticato un prolasso della valvola mitralica da allora la mia vita è cambiata perchè sento questo disagio collegato a questo disturbo e è subentrata anche la depressione per la costante preoccupazione che deriva dal non sentirmi più in sintonia con il mio corpo,il mio cuore che se ne dica che questo disturbo è di lieve entità.
Non ho ben chiaro come abbia fatto a svilupparsi questa patologia in me visto che fino a 3 anni fa mi sono sempre sentito ok e mi chiedo se può essere dovuto ad avere trascurato per molti anni un infezione a un dente e ai continui sanguinamenti e alla paura che avevo di rimuoverlo.
Vi scrivo non per trovare le risposte di questa domanda a cui ormai mi sono rassegnato ma per un altro motivo.
Da circa 2 mesi sento come delle extrasistole e volevo sapere se è il caso che mi sottoponga a dei controlli ma soprattutto quanto può centrare il fatto che da un pò mi sveglio al mattino con la bocca impastata e sputando mi esce sangue e questo non solo al risveglio ma anche durante la giornata.
Perchè la perdita di sangue può aggravare o comunque può causare delle conseguenze a uno con il mio problema?
E possono essere collegate le due cose?
Avevo sentito parlare dell'endocardite batterica...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il prolasso della mitrale è congenito. Per ciò che concerne l endocardite è opportuno che lei la prevenga con adeguata terapia antibiotica in ogni caso di manipolazionendentaria, infezioni in genere ed anche indagine endoscopiche .
Cordialità
Cecchini
Www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 206XXX

Iscritto dal 2011
grazie