Utente 496XXX
Gentili Medici,
ho 40 anni e vivo in maniera stressata a causa della mia professione che mi porta a viaggiare di continuo con grossi carichi di responsabilità.
Ho sempre avuto un'attività sessuale senza problema alcuno. Da qualche mese accuso un periodo refrattario molto più lungo che in passato (adesso circa un ora), e mi sempra che il tono dell'erezione diminuisca dopo una trentina di minuti dall'inizio dell'erezione stessa. Tutto ciò ha innescato uno stato di ansia che mi turba durante i rapporti, peggiorandoli ovviamente.
Vorrei capire quali potrebbero essere le cause ed eventualmente se mi debbo rivolgere ad un andrologo, un urologo, o un sessuologo.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,credo di capire che per periodo refrattario intenda il tempo che intercorre tra un rapporto ed un altro nello stesso incontro sessuale.Se é così,il più delle volte,il secondo rapporto diventa "necessario" in quanto complementare al primo,evidentemente insoddisfacente in quanto caratterizzato da eiaculazione precoce.Viceversa,in assenza di una "necessità di ripetizione",il secondo rapporto non può essere considerato uno "standard di riferimento" in quanto con l'età e la maturazione sessuale si tende a puntare sul vissuto sessuale e non sulla prestazione,tantomeno se ripetuta,che é un atteggiamento giovanile,proprio di chi non convive con la partner.Comunque,chiarito ciò,può rivolgersi ad un andrologo che potrà,di persona,chiarirLe le idee e controllare la funzionalità del Suo apparato sessuale (prostata compresa).Cordialità
[#2] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Null'altro da aggiugere a quanto affermato dal collega dr Izzo. Mi trova completamente d'accordo.

Cordialità
[#3] dopo  
Utente 496XXX

Iscritto dal 2007
Egr. Dott. Izzo, le confermo che non sussiste il problema dell'eiaculazione precoce, semmai proprio il contrario, i tempi del "primo rapporto" sono molto più lunghi che in passato.
La mia difficoltà sta soprattutto nell'accettare l'impossibilità di poter "ripetere" nonostante ne abbia volontà, e nell'insicurezza subentrata e mai avuta negli anni addietro.
Mi rivolgerò ad un Andrologo. Grazie

[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Mi tenga informato,se ritiene,in quanto,credo,possa trattarsi di una prostatite (o congestione prostatica),con riverberi sull'approccio sessuale.Cordialità