Utente 327XXX
operato d'urgenza per occlusione intestinale, con anse del tenue sovradistese, fragili e friabili, presenza di iniziale sofferenza ischemica fino all'anastomosi colo-colica (dovuta ad un altro intervento per ricongiunzione intestino dopo altra urgenza per volvolo intestinale 4 anni prima con resezione di 10 cm di colon, perchè il mio intestino non era "agganciato" come anche alla nascita- infatti me lo "derotarono" per lo stesso motivo e per una ventina d'anni non ho mai avuto problemi), ora ho avuto la resenzione dell'anastomosi e una nuova colostomia terminale.
vorrei sapere quanto tempo più o meno deve passare affinchè l'intestino si "riprenda" e sia possibile rifare nuova anastomosi e se ci sono tecniche tali da rendere definitivo il prossimo intervento considerando che sarebbe il 4^in 4 anni e si ci saranno più complicazioni rispetto al precedente. mi hanno detto di aspettare 3/6 mesi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
In genere l' intervallo indicato è quello medio, ma molte variabili possono modificare il dato, cosi' come rispondere alle successive domande è possibile solo conoscendo la sua situazione specifica.Auguri!
[#2] dopo  
Utente 327XXX

Iscritto dal 2007
è chiaro che il tempo 3/6 mesi è quello medio, mi interesserebbe sapere appunto quali variabili esistono che possano procrastinare i tempi. Fatemi sapere quali altre informazioni è necessario fornire per avere eventuale altra risposta da parte vs. grazie di tutto.
[#3] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Ad esempio le condizioni generali, eventuali patologie associale, eventuale necessita' di terapie complementari, desiderio del paziente, stato nutrizionale e tanti altri. Come le dicevo tuttavia, la complessita' della situazione richiede una vautazione diretta da parte dei colleghi che seguono direttamente il paziente.