Utente 211XXX
sono stato operato di tiredectomia totale il giorno 2-05-2011 e dall'esito del referto sono risultati n 2 carcinoma papillifero in parte della variante follicolare piu' un linfonodo peritiroideo esente da metastasi in data 13-06-2011 venivo sottoposto a terapia metabolica con iodio 131 pari a 2627 MBq e l'esito della scintigrafia totalbody dopo 3 gg evidenza un minimo residuo in zona ex-tiroide.
LA domanda e' inerente allo stato della pressione sanguigna che nel periodo pre e post intervento era 80 min - 130 max , prima della terapia metabolica era 90-130 , post terapia min 115-max 165-180 con conseguenti disturbi di respirazione (sopratutto notturni) e continuo ronzio flebile nelle orecchie .
mi sono stete prescritte due compresse di capoten da 25 mcg uno al mattino e uno alla sera , ma la pressione rimane la medesima . l'ecg non presenta alterazioni e ho appena ricominciato a prendere l'eutirox 50 per arrivare poi a soglia di 150
vorrei capire se quest'intervento o terapia puo' instaurare queste anamalie pressorie e quali esami devo eventualmente intraprendere per regolazzire la pressione stessa .
i miei dati sono peso 120kg , alt 182 , f cardiaca 85/90 sat 98% FIO2 21 , GCS 15 FR 16
grazie anticipatamente per la vs. risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il farmaco indicato nel suo caso non è il Capoten, che non viene più impiegato da decenni, ma piuttosto un beta bloccante, dal momento che con piccoli dosaggi si riesce da una parte ad avere valori pressori normalizzati ed un buon controllo della frequenza cardiaca che solitamente, come nel suo caso , è elevata. Il beta bloccante di elezione è il propanololo, a dose congrua per il suo marcato sovrappeso.
Cordialità
Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
la ringrazio per la risposta , una domanda pero' mi attanaglia , prima del percorso la mia pressione era 80 minima 130 max ,questo innalzamento e' dovuto ad un normale decorso post intervento chirurgico e conseguente terapia metabolica ?

a questa domanda gradirei una risposta, visto che speravo di essere uscito da una situazione che destava preoccupazione e sembra che mi sia infilato in un nuovo tunnel

grazie
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
E' molto difficile risponderle con sincerita'. Non e' il primo paziente che presenta tale rialzo pressorio. Sta di fatto che la terapia va eseguita correttamente.
Cordailita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#4] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
buonasera , a seguito di ulteriori analisi sono emersi alcuni valori poco rassicuranti potassio 3.8 mmol/l sodio 143 , cloro 103 , calcio 8,4 , magnesio 2,2 meq/l cloesterolo 252 mg/dl , trigliceridi 316 mg/dl , a quanto sembra il tipo di terapia a cui sono stato sottoposto puo' portare per il colesterolo e trigliceridi a queste anomalie , ma sono preoccupato anche per gli altri valori
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I valori da controllare , e da correggere se confermati sono quelli del colesterolo e dei trigliceridi. Inizi a togliere pane pasta ed eventuale vino ai pasti e poi ripeta gli esami
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#6] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
pasta quasi inesistente circa 3 volte la settimana , vino non ne bevo come pane circa 50 gr al giorno , una rosetta a pranzo ,
l'endocrinologo , mi aveva avvisato che un alto valore del tsh ad oggi sono intorno a 150 poteva portare ad un innalzamento del colesterolo e trigliceridi , ma sinceramente mi sembrano ancora molto alti
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non è tanti il TSH alto che lo provoca, quanto una riduzione degli ormoni liberi tiroidei. Ad ogni buon conto se i valori fossero confermati ne parli con il suo endocrinologo. Il cardiologo c entra poco.
Cordialmente
Cecchini
www.cecchinicuore.org